Il teaser dei Rammstein è oggetto di polemiche, la rabbia dal mondo ebraico (video)

Till Lindemann e soci compaiono in abiti simili a quelli dei prigionieri dei campi di concentramento, è pronto il nuovo album?

21
CONDIVISIONI

Il 26 marzo 2019 il teaser dei Rammstein è comparso in rete e ha scatenato l’hype dei fan. Nel filmato di 35 secondi vediamo Till Lindemann in compagnia di Paul Landers, Oliver RiedelChristian Lorenz in una tenuta che ricorda le divise dei prigionieri dei campi di concentramento. Tutti e 4 si trovano su un patibolo con un cappio adagiato intorno alle loro teste, e guardano il vuoto con un sottofondo sonoro inquietante. Nel video mancano Richard KruspeChristoph Schneider, e il filmato si chiude con la scritta “Deutschland” e la sequenza di numeri romani “XXVIII.III.MMXIX”, ovvero “28.03.2019”. Non è ancora dato sapere se la data indichi l’uscita dell’attesissimo nuovo album o la pubblicazione del primo singolo.

Tuttavia, proprio per le immagini silenziose ma forti, il teaser dei Rammstein è divenuto oggetto di polemiche. La rivista tedesca Bild, infatti, scrive che il video ha sollevato un polverone dagli ambienti accademici e dalle associazioni. Charlotte Knobloch, ex Presidente del Consiglio Centrale degli Ebrei, ha affermato: «I Rammstein hanno superato il limite, abusare della sofferenza e dell’uccisione di milioni di persone solo per fare intrattenimeno è frivolo e disgustoso».

Lo storico Michael Wolffsohn parla di profanazione, mentre Karin Prien, portavoce del Forum Ebraico, afferma che il teaser dei Rammstein sia sgradevole e messo in rete solamente per attirare click. La band, per il momento, non ha rilasciato dichiarazioni e proprio oggi, 28 marzo, scopriremo cosa si cela dietro il teaser. In più occasioni i Rammstein erano stati associati agli ambienti di destra, specie quando usarono alcune immagini del film di propaganda nazista “Olympia” di Leni Riefenstahl (1936) per il videoclip di Stripped, la loro versione della hit dei Depeche Mode.

Rolling Stone ipotizza che la band voglia lanciare un forte messaggio di condanna contro la preoccupante avanzata dell’estrema destra xenofoba in Germania e in Europa. In assenza di una replica da parte dei diretti interessati, il teaser dei Rammstein resta un’anteprima di appena 35 secondi che avremo modo di comprendere nelle prossime ore.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.