Grossa disinformazione con l’incidente alla centrale nucleare in Slovenia: due cose da sapere

Analizziamo insieme cosa c'è da sapere a proposito della fake news in circolazione proprio in queste ore

32
CONDIVISIONI

Giornata di bufale sui social, qui in Italia, considerando il fatto che nelle ultime ore è stata rispolverata una vecchia storia relativa ad un incidente alla centrale nucleare in Slovenia. Si tratta di un post pubblicato da SkyTg24News, che puntualmente sfrutta un nome simile a quello di una testata ben più famosa e autorevole, con il chiaro intento di alimentare disinformazione e allarmismo tra gli italiani. Cerchiamo dunque di mettere a fuoco la vicenda, analizzando tutte le informazioni disponibili fino a questo momento a proposito del presunto incidente.

Il post trapelato oggi 28 marzo su Facebook, più in particolare, dà continuità alla questione bufale dopo la catena WhatsApp che ho preso in esame per voi in mattinata. In particolare, la notizia riguardante il presunto incidente alla centrale nucleare in Slovenia ha una base veritiera, nel senso che poco più di due anni fa qualcosa è effettivamente avvenuto presso la struttura in questione. Si tratta dunque di un’anomalia che è stata registrata a febbraio del 2017. Questo giusto per premettere che allo stato attuale non esiste alcun pericolo.

Il motivo? La bufala ci dice che gli effetti potrebbero essere pericolosi anche per noi, trovandosi la struttura a circa 100 km dal confine con l’Italia. Il tutto, come sempre, accompagnato dal messaggio “i TG non ne parlano”. Come se non bastasse, a suo tempo le principali testate ribadirono che non ci fosse alcun pericolo e che il piccolo problema era stato gestito tempestivamente senza alcun patema. Il tutto scongiurando la tesi delle radiazioni.

Ipotesi confermata anche da bufale.net questa mattina, con cui possiamo metterci alle spalle l’intera vicenda minimizzando sia l’accaduto, sia la tempistica, considerando che l’incidente alla centrale nucleare in Slovenia è ormai stato archiviato essendo trascorsi ben due anni. Fate dunque attenzione a quello che si ricondivide sui social.

Per restare sempre aggiornato, aggiungi ai tuoi contatti su smartphone il numero 3770203990 e invia un messaggio WhatsApp con testo “NEWS”. Il servizio è completamente gratuito! In qualsiasi momento sarà possibile disdirlo inviando un messaggio con testo “STOP NEWS” allo stesso numero.

Commenti (1):

MaGO Spa

Beh, magari quella volta era stato solo un piccolo problema tecnico o un piccolissimo errore umano, capita a tutti. E’ umano, ma se arriva un terremotino, non forte quanto quello di Fukushima, basta molto di meno ma proprio sotto la Centrale…visto che si trova in un posto a rischio altamente sismico….beh mi sa che io prendo su il camper e mi faccio un giro all’estero…per un 10 anni. Non per nulla alcuni esperti la considerano la centrale nucleare più pericolosa in Europa.La cosa assurda è che Slovenia e Croazia la volevano pure raddoppiare…e che pochissimi sloveni ma anche italiani sanno queste cose. Poi possono assicurare che gli standard di sicurezza sono stati migliorati etc etc…ma se è successo in giappone dove sono i migliori al mondo nella prevenzione dei sismi e poi considerate che il sisma percepito era di 6.6 Mw  mentre in là in Slovenia potrebbe arrivare a 7.2 Mw …io non mi preoccpuerei tanto del errore umano. Non siamo neppure capaci di tenere sotto controllo i fiumi quando piove troppo figuriamoci un terremoto…forse però i sloveni sanno quello che fanno. Io comunque mi prendo una casetta in Spagna visto che vivo a 20 km dalla Slovenia…solo che se ti la Bora….mandi mandi.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.