eBay sposa Google Pay: ecco quando sarà tutto pronto per l’utilizzo

eBay sta per annovare Google Pay tra i suoi sistemi di pagamento, per la versione web e per l'app Android

2
CONDIVISIONI

eBay sta per inserire Google Pay tra i metodi di pagamento accettati, permettendo così agli utenti di saldare gli importi dovuti attraverso le carte associate alla piattaforma del colosso di Mountain View. Il comunicato stampa è stato divulgato da qualche ora, ed ormai non ci sono più dubbi: Google Pay verrà implementato su eBay per quanto riguarda il sito web (consultabile da PC e dispositivi mobili), e l’applicazione per Android.

Ricordate i tempi in cui l’e-commerce andava a braccetto solo ed esclusivamente con PayPal? Dimenticatevene, perché non è più così. I sistemi di pagamenti si sono evoluti, e con essi anche la politica aziendale delle varie piattaforme di compravendita. Google Pay offre il vantaggio di poter acquistare in tutta sicurezza, e con un semplice click: non ci sono intermediari, e pertanto non sarete messi nelle condizioni di divulgare i vostri dati personali agli esercenti. Un traguardo importante, ed una soluzione per cui opteranno migliaia e migliaia di utenti, che magari già utilizzano Google Pay, che ha dimostrato di essere in continua espansione, mettendo anche adesso a segno questo colpo. eBay ha fatto sapere che l’implementazione del servizio per l’app Android è fissata per il mese di aprile.

Molto entusiasta è parsa Alyssa Cutright, VP del sito di vendita e di aste online, che ha tessuto le lodi di Google Pay senza la ben che minima esitazione, parlando come un sistema di pagamento rapido, facile da utilizzare, e soprattutto sicuro per l’acquisto di oggetti in Rete. Era una priorità di eBay ampliare la schiera dei metodi di pagamento disponibili, così da aggiungere un’altra possibilità alle tante già tagliate su misura per gli utenti. Un discorso che fila perfettamente, e che sentiamo di condividere: a voi questo matrimonio quanto ha fatto piacere?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.