Chester Bennington avrebbe compiuto 43 anni, la sua voce grida ancora il dolore

Diede sfogo a rabbia e dolore in tutti i suoi testi, tra i quali ricordiamo "From the inside", un racconto sulla ricerca della forza interiore

9
CONDIVISIONI

Il 20 marzo Chester Bennington avrebbe compiuto 43 anni. La voce dei Linkin Park aveva dato voce al suo dolore fino all’ultimo, anche in quel triste giorno in cui si celebrarono i funerali dell’amico e collega Chris Cornell. Chester cantò Hallelujah di Leonard Cohen nella versione di Jeff Buckley e in più riprese qualcosa strozzava il suo fiato, ma l’amore per il suo amico era troppo grande per demordere e non proseguire. Poche settimane dopo le forze di Chester lo abbandonarono per sempre e lo portarono a togliersi la vita il 20 luglio 2017. Era il compleanno di Chris Cornell.

Capace di modulare la voce passando da un taglio dolcissimo a un graffiato violento, Chester Bennington insieme ai Linkin Park diede una speranza a chi, tra le correnti musicali che nascevano negli anni 2000, non vedeva uno spazio adatto per il rock e il metal. Come ogni decade, le nuove influenze musicali che passavano per i principali canali mainstream avevano gettato nello sconforto il pubblico amante dell’headbanging, delle chitarre distorte e del pogo, e Bennington aveva consolato tutti da quando Papercut dei Linkin Park ci incantò grazie a quella frase: «Beneath my skin», intonata su una quinta con potenza e intensità.

Qualcosa stava cambiando, e Chester Bennington avrebbe compiuto 43 anni ricordando anche quell’esordio che lo consacrò a nuovo portavoce del nu metal, genere ibrido di cui Fred Durst dei Limp Bizkit Jonathan Davis dei Korn erano già maestri. Se i Limp Bizkit si collocavano nella facciata più “street” della nuova veste del metal e se i Korn coloravano di sangue e cinema horror la stessa corrente, i Linkin Park coniugavano le due cose offrendo un nuovo menu a chi si alzava da tavola ancora affamato. Arrivò In the end, arrivò One step closer e fu amore: Chester sapeva fucilarti e accarezzarti, e i suoi occhi chiusi con le vene in evidenza erano il momento più alto delle sue esibizioni live, quando con tutta la sua voce gridava la sua rabbia e sfogava il suo dolore.

Egli stesso si metteva a nudo in From the inside, forse il brano più intimista insieme a Breaking the habit dei Linkin Park. «Pensieri pesanti si fanno avanti tra la confusione e le bugie», cantava Chester in quella canzone che sembrava un foglio strappato dai suoi appunti mentali: «Tutti si sentono così lontani da me», continuava, per poi alzarsi di scatto dalla sedia e uscire allo scoperto: «Prendo tutto dal mio interno e lo getto fuori, perché giuro per l’ultima volta che non mi fiderò di te, non mi sprecherò con te». Non sapremo mai, forse, se l’oggetto dell’invettiva di Bennington fosse qualcuno o qualcosa, ma è chiaro che questo qualcuno o qualcosa lo stesse tormentando.

Probabilmente egli stesso ci metterebbe le mani al collo dal momento in cui siamo qui a cercare di psicanalizzarlo. Non ne ha bisogno, non più. Chester Bennington avrebbe compiuto 43 anni e sarebbe stata una sua scelta, come quella di partecipare al progetto di Mark Morton con la sua stessa voce, per risorgere tutte le volte in cui lo desideriamo.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.