Lost Frequencies a Milano a novembre, un’unica data in Italia nel 2019: prezzi dei biglietti in prevendita

Info utili sui biglietti per l'unico concerto in Italia.

Lost Frequencies a Milano per un unico concerto in Italia in programma per il mese di novembre 2019. Felix De Laet, aka Lost Frequencies, si esibirà nel nostro Paese per un’unica serata attesa al Fabrique di Milano sabato 23 novembre per la quale i biglietti saranno disponibili in prevendita su TicketOne e TicketMaster dalle ore 12.00 di venerdì 22 marzo dopo una presale in anteprima esclusiva per gli iscritti a My Live Nation dalle ore 12.00 di mercoledì 20 marzo.

In vetta alla classifica TOP 100 DJs 2018, vincitore di due premi agli Ecco Awards per Dance International e Hit of the year con Are you with me, Lost Frequencies ha collezionato dischi d’oro e di platino in tutto il mondo. Nel 2019 arriverà in Italia per un’unica serata-evento al Fabrique di Milano in programma per il 23 novembre.

Il prezzo dei biglietti è pari a 23 euro + diritti di prevendita per posto unico intero non numerato (in piedi). Il suo debutto si deve al 2014 con la firma del contratto con Armanda Music e il rilascio del singolo Are You With Me, hit mondiale certificata 3 volte disco di platino in Italia.

Al 2016 si deve il suo primo disco di inediti dal titolo Less Is More che contiene anche i singoli Beautiful Life e What Is Love 2016, premiato da IMPALA (The Independent Music Companies Association) come Album of the Year 2016.

Individuato come uno dei talenti più forti e in più rapida ascesa del momento, con 1 miliardo di stream in tutto il mondo, ha conquistato la posizione #17 della TOP DJs 2018 di DJ MAG e preso parte ad alcuni dei Festival più importanti e prestigiosi del mondo tra i quali Coachella, Tomorrowland, Lollapalooza e EDC Vegas. Vanta collaborazioni e produzioni d’eccezione, tra artisti come James Blunt e ha remixato hit internazionali da Cold Water dei Major Lazer, Justin Bieber e MØ a Malibu di Miley Cyrus.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.