Nel finale de Il Silenzio dell’Acqua si chiuderà tutto con un sospettoso suicidio? Anticipazioni 24 marzo

Un sospetto suicidio chiuderà i conti e regalerà un deludente finale a Il Silenzio dell'Acqua?

Il finale de Il Silenzio dell’Acqua è ormai dietro l’angolo e domenica prossima, il 24 marzo, andrà in onda l’ultima puntata della fiction con Ambra Angiolini e Giorgio Pasotti. I due torneranno a vestire i panni di Luisa e Andrea per chiudere le indagini sul caso di Laura ma non mancheranno i colpi di scena a cominciare da un suicidio molto sospetto che lascerà tutti con l’amaro in bocca, sarà questo evento a mettere la parola fine alla prima stagione della fiction?

Nella penultima puntata in onda questa sera scopriremo le conseguenze e i sospetti della scoperta della relazione di Franco e Anna perché adesso tutti si chiedono come mai abbiano mentito in queste settimane e il fatto che tutto questo possa essere legato alla morte di Laura peggiora le cose. Matteo cerca di scoprire la ragione degli incontri sempre più frequenti fra Grazia (Sabrina Martina) e Don Carlo (Fausto Sciarappa) mentre Nico (Giordano De Plano) diventa un prezioso informatore e aiuta Luisa e Andrea a ricostruire i movimenti di Franco, sarà lui il colpevole o dietro questo omicidio si nasconde la mano di Don Carlo?

Andrea crede nell’innocenza dell’amico sacerdote ma tutto cambia quando viene a galla un videomessaggio di Laura a quanto pare il prete aveva accompagnato quest’ultima dalla ginecologa per iniziare le pratiche per l’aborto. Forse la sua morte è legato alle bugie del parroco?

Nell’ultima puntata de Il Silenzio dell’Acqua di domenica 24 marzo, si scopre che sulle scarpe di Matteo appartiene a Laura ma è ancora un doloroso passato a mettere alla prova il rapporto tra Luisa e Paolo (Diego Ribon). Intanto, nuovo dramma sta per toccare Grazia e la sua famiglia mentre il suicidio di Giovanni sembra mettere fine alle indagini ma sarà proprio il racconto dell’ultima giornata di vita di Laura a rivelare la verità.

Ecco il promo della puntata:

Lascia un commento: