Fulmine di guerra Huawei P10 Plus con aggiornamento B386 di marzo, ma niente EMUI 9

Niente EMUI 9 e Android Pie con il nuovo aggiornamento per lo smartphone commercializzato due anni fa

11
CONDIVISIONI

Lascia un po’ l’amaro in bocca la news che ha preso piede oggi 15 marzo, per quanto concerne tutti coloro che sono in possesso di un Huawei P10 Plus. Si tratta di un nuovo aggiornamento con cui dovremo effettivamente veder migliorati gli standard di sicurezza che il produttore è in grado di offrire ai propri clienti, ma siamo ancora distanti da Android Pie ed EMUI 9. Nonostante negli ultimi giorni siano arrivate notizie molto incoraggianti direttamente dalla Cina, in merito all’avvio del rollout per il pacchetto software come avete avuto modo di notare dal nostro articolo, qui in Italia evidentemente i tempi non sono ancora maturi.

Secondo quanto riportato in questi minuti dal sito tedesco HuaweiBlog.de, più in particolare, pare sia stata avviata la distribuzione dell’aggiornamento di marzo per coloro che dispongono di un Huawei P10 Plus no brand. Il riferimento in questo caso cade sul pacchetto software B386, il cui peso dovrebbe superare di poco la soglia dei 100 MB. Insomma, almeno sulla carta non dovremmo andare incontro a rivoluzioni una volta portato a termine il suo download.

Solo nei prossimi giorni, quando ci sarà la piena distribuzione di questo nuovo aggiornamento in Italia, ne sapremo di più sui reali effetti che avrà su Huawei P10 Plus e soprattutto se verranno introdotte delle funzioni, al dì là di quanto stiamo riscontrando in questi minuti tramite il changelog. Insomma, occhi aperti nei prossimi giorni, perché la notifica per il pubblico italiano potrebbe arrivare da un momento all’altro.

Anche voi, come i tedeschi, avete testato il nuovo aggiornamento per Huawei P10 Plus? Nel caso, commentate pure l’articolo di oggi con le prime impressioni maturate post download, in modo da farci un’idea più precisa sulla patch di marzo tanto attesa anche dal pubblico italiano come potrete immaginare.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.