Passaggio AnTuTu per Huawei P30 Pro e prime specifiche tecniche ufficiali

Test benchmark rivelatore, i dettagli hardware oramai confermati prima del lancio

4
CONDIVISIONI

ll passaggio AnTuTu del Huawei P30 Pro è appena avvenuto: lo step propedeutico al lancio del dispositivo premium ci ha svelato più di qualche dettaglio sulle specifiche tecniche del device e pure qualche indicazione sulle sue future performance. Il noto test benchmark, dunque a soli 12 giorni dall’evento del 25 marzo a Parigi, ci fornisce preziosi informazioni oramai date per ufficiali, vediamole tutte.

La prima conferma riguarda il numero modello del Huawei P30 Pro ovvero il VOG-L29. Il top di gamma (proprio con il test AnTuTu) raggiungerebbe un punteggio ragguardevole di 286.152 punti, leggermente superiore a quello dell’ultima ammiraglia dello stesso produttore, ossia del Mate 20 presentato lo scorso autunno. Insomma, le performance ragguardevoli del device non dovrebbero essere per nulla messe in discussione.

Scendendo più nel dettaglio delle specifiche tecniche del Huawei P30 Pro, oggi abbiamo la conferma che a bordo del device ci sarà un chipset Kirin 980 (e pure un GPU Mali G76-MP10) mentre il taglio di RAM esaminato nell’esemplare sotto osservazione è di 8 GB e quello relativo allo spazio di archiviazione interno di 256 GB. Non possiamo dare per scontato ci siano altri modelli in serbo, magari con 512 GB di storage ma per questo aspetto dovremmo di certo attendere qualche il lancio di fine mese.

Altri dettagli confermati del Huawei P30 Pro riguardano il suo display: la risoluzione del pannello sarà di 2340×1080 pixel e a dire la verità per questa specifica ci si sarebbe aspettati pure qualche cosa di più. Per il momento, il test AnTuTu non ha svelato altri dettagli ma sono pure altre le caratteristiche del device sembrerebbero più che scontate: la prima è certamente la presenza di un lettore per le impronte digitali al di sotto del display in perfetto stile Huawei Mate 20. Sul retro non mancherà un comporto fotocamera rinnovato a tre sensori, sempre in collaborazione con Leica. Per  tutti gli altri approfondimenti non ci resta che pazientare qualche giorno.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.