Una versione demo di Starman di David Bowie è stata messa all’asta (audio)

Il nastro era stato lasciato in una soffitta per decenni, e oggi si scopre che potrebbe essere la prima versione assoluta del brano, un vero cimelio per collezionisti

8
CONDIVISIONI

Il Duca Bianco ha ancora voglia di guarnire l’intero mondo della musica di splendore e bellezza, e grazie al musicista Kevin Hutchinson scopriamo una versione demo di Starman di David Bowie registrata nel 1971 e mai ascoltata prima. La storia di questo nastro inedito è affascinante: l’uomo che cadde sulla terra registrò una prima versione del brano insieme al chitarrista Mick Ronson, la passo all’amico Kevin Hutchinson in quanto interessato ad imparare a suonarla.

Dopo decenni in cui il nastro era rimasto in soffitta, Hutchinson lo ha ritrovato e ha raccontato quel momento: «Dopo averlo ritrovato ho tirato giù il mio vecchio registratore dal soppalco e ci ho infilato dentro il nastro. Non riusciamo a credere a quello che stavamo ascoltando. È eccezionale». Il nastro, oltre alla demo di Starman di David Bowie, contiene anche Moonage Daydream e Hang onto yourself, tutti brani che l’anno successivo avrebbero fatto parte del disco “The rise and fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars”.

Il nastro contenente la demo di Starman di David Bowie insieme alle altre due canzoni allo stato ancora embrionale verrà messo all’asta nei prossimi giorni con una base di 10mila sterline, nella cittadina di Newton-le-Willows, nel Merseyside. Secondo una perizia, addirittura, il contenuto della vecchia bobina potrebbe davvero essere la prima versione di Starman e dunque un vero e proprio cimelio per i collezionisti e gli appassionati del Duca Bianco.

La conferma alla tesi della prima versione arriva dallo stesso nastro, nel quale si sente Bowie che spiega la struttura della canzone a Mick Ronson. Kevin Hutchinson, oggi, ha 65 anni e ha imparato a suonare il brano da tantissimo tempo. Nel 1971, dopo il primo ascolto, disse che la canzone era “Niente male”: «Avevo sedici anni, a quell’età nulla ti impressiona». Oggi, per ironia della sorte, quel musicista curioso si rivela il custode di una reliquia: la versione demo di Starman di David Bowie apre un sipario sui retroscena di una canzone che ancora oggi rappresenta un esempio di perfezione ed eleganza.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.