The Walking Dead 9 tra il mitico scontro tra Daryl e Beta e un nuovo gruppo di superstiti: anticipazioni 11 marzo

Scontri e rivelazioni nel nuovo episodio di The Walking Dead 9

69
CONDIVISIONI

La quiete prima della tempesta è ormai agli sgoccioli e mentre il finale di The Walking Dead 9 si avvicina a grandi passi, il pubblico avrà presto modo di assaporare uno scontro epico.

La serie torna in onda in Italia oggi, 11 marzo, nel prime time di Fox con l’episodio 9×13 dal titolo “Punto di sbarramento” in cui Daryl, Henry, Lydia e Connie continuano la loro fuga. Se da una parte sembra che Henry abbia già perso la testa convinto e sicuro dei sentimenti di Lydia e delle sue reazioni davanti alla madre, Daryl ha ancora qualche dubbio ma non si tira indietro quando è il momento di proteggerla.

Connie porta tutti in un vecchio edificio dove si nascondeva con il suo gruppo ed è proprio lì che Beta li raggiunge per portare indietro Lydia. Lo scontro duro è servito e dove Daryl non arriva in prestanza fisica contro il suo avversario arriverà con la furbizia, questo basterà a portare tutti in salvo e a tornare a casa?

Intanto, Carol ed Ezekiel sono ancora all’oscuro di tutto e si preparano per la loro annuale Fiera ma ecco arrivare un primo avvertimento da parte del misterioso gruppo che ha disseminato le strade dello strano simbolo rosso con una freccia contro una retta. Sembra che essi siano i Highwayman e che vogliano mettere le mani sulle scorte del Regno altrimenti sbarreranno la strada a tutti coloro che vorranno raggiungerli e partecipare alla fiera.

Ezekiel vorrebbe colpire per primo ma Carol si oppone convinta che se fossero violento lo avrebbero già dimostrato anziché inviare un messaggio e chiedere un ricatto. Quest’ultima avrà ragione o alla fine porterà il nemico dentro le mura della sua casa peggiorando la situazione? Il ruggito di Beta si trasformerà in violenza e morti nel prossimo episodio? Ecco il promo di The Walking Dead 9×13:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.