Ancora vivo Huawei P10 Lite Vodafone: segnalato l’aggiornamento B375 a marzo

Disponibilità confermata per una nuova patch, secondo le informazioni raccolte oggi 11 marzo

10
CONDIVISIONI

Torna di nuovo calda la questione relativa ai rilasci degli aggiornamenti per Huawei P10 Lite, considerando il fatto che stiamo vivendo una settimana molto intensa qui in Italia. Oggi 11 marzo, infatti, risulta disponibile la patch B375 per tutti coloro che in questi due anni di vendite si sono portati a casa la variante brandizzata Vodafone qui in Italia. Si tratta di una svolta importante, che in primo luogo dà continuità ai rilasci che abbiamo riscontato nel corso del fine settimana coi modelli marchiati TIM, secondo le informazioni riportate in queste settimane.

La notizia sull’avvio del rollout della patch di febbraio per Huawei P10 Lite TIM in realtà ve l’abbiamo fornita venerdì, e la questione diventa rilevante anche per chi si ritrova con questo nuovo aggiornamento attraverso il prodotto marchiato Vodafone. Da diversi mesi, infatti, non assistevamo alla disponibilità di un upgrade per questo modello, fermo restando che una volta portato a termine il download non dovremmo andare incontro ad una rivoluzione nella nostra esperienza di utilizzo.

Questo, almeno, è l’indirizzo che abbiamo avuto nello scorcio iniziale di marzo da Huawei P10 Lite no brand e nelle ultime ore dai prodotti TIM. Per questo motivo non è lecito attendersi un significativo passo in avanti dal punto di vista della durata della batteria, ma di sicuro di trattata di un aggiornamento da installare per migliorare gli standard di sicurezza del modello e le sue prestazioni generali.

A voi è giunta la notifica per installare da subito il nuovo aggiornamento per Huawei P10 Lite? Fateci con tutti i feedback del caso qualora abbiate avuto la possibilità di testare i punti di forza e di debolezza della patch B375 nel corso degli ultimi giorni qui in Italia, così da avere un quadro della situazione più chiaro.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.