Migliori le prestazioni per Huawei P20 Pro con l’aggiornamento B203: ottimizzata EMUI 9

Importante individuare i primi dettagli trapelati a proposito di una patch sulla carta più interessante di quanto ci si potesse aspettare

5
CONDIVISIONI

Ci apprestiamo a vivere un fine settimana molto interessante con Huawei P20 Pro, alla luce di un ulteriore aggiornamento che dovrebbe migliorare in modo apprezzabile l’esperienza di utilizzo da parte degli utenti. Poco meno di un mese fa su queste pagine abbiamo fatto il punto della situazione dopo la patch di gennaio, facendo presente a tutti voi che effettivamente le cose fossero migliorate dopo l’arrivo sulla scena del firmware B195. Eravamo al cospetto del primo upgrade correttivo dopo l’esordio di EMUI 9 e di Android Pie, ma oggi 8 marzo tocca fare già un altro step.

Nello specifico, come avvenuto pochi giorni fa coi P20 no brand, anche i possessori di un Huawei P20 Pro stanno iniziando a ricevere l’aggiornamento B203. Si tratta a conti fatti della patch di febbraio e, changelog alla mano, non dovremmo andare incontro ai soliti miglioramenti in termini di sicurezza che in questi casi il produttore cinese mette a disposizione del proprio pubblico. Inutile dire che tutti sperano si possano mantenere buoni livelli di autonomia post download.

Del resto, ad un anno esatto dalla commercializzazione del device, in tanti tra i possessori di un Huawei P20 Pro si dicono ancora soddisfatti delle performance del modello sotto questo punto di vista. Occhio all’aggiornamento di febbraio, però, perché a differenza di quanto riscontrato con altri prodotti qui siamo al cospetto di un pacchetto software che supera i 400 MB. Insomma, non mi sento di escludere a priori che ci possano essere migliorie extra rispetto a quanto emerso con il changelog.

A voi è pervenuta la notifica per installare il nuovo aggiornamento per Huawei P20 Pro? Avete già constatato i suoi punti di forza e di debolezza? Fateci sapere con un commento a fine articolo, in modo da valutare al meglio la situazione generale che si è venuta a creare.

Commenti (1):

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.