Reunion degli One Direction nel 2020? Liam Payne sbotta sui social

Le parole del cantante che ricorda di non essere l'unico componente del gruppo.

Ci sarà davvero l’attesa reunion degli One Direction nel 2020? Liam Payne è esausto e sbotta sui social. La notizia di una probabile reunion del gruppo nel 2020 era emersa proprio in seguito alle sue parole. Da ottimista cronico, il cantante si era detto a favore di una reunion del gruppo che, chissà, sarebbe potuta avvenire proprio nel 2020.

Con il trascorrere del tempo e con il 2019 già trascorso nei suoi primi mesi, della reunion degli One Direction non è stato confermato ancora nulla. Su Twitter, a Liam Payne vengono fatti notare alcuni articoli internazionali che riportano le sue parole, parole pronunciate – lo ricordiamo – diversi mesi fa, ma pur sempre quelle più attuali.

Stanco di doversi giustificare in continuazione per aver pronunciato quelle frasi che hanno ripetutamente fatto il giro del mondo, Liam Payne risponde ad un fan su Twitter e ricorda che la decisione della reunion degli One Direction non spetta solo a lui: ci sono altri tre membri da chiamare in causa e ai quali porre le stesse domande.

Gli One Direction, infatti, dopo l’addio di Zayn Malik sono rimasti in quattro: oltre a Liam Payne, la decisione spetta a Louis Tomlinson, Niall Horan e Harry Styles, tutti felicemente solisti.
Liam aggiunge di trovarsi a rispondere alle stesse domande sulla reunion del gruppo svariate volte al giorno ed, esausto, invita stampa e curiosi ad interrogare anche gli altri cantanti.

Di seguito il messaggio di Liam Payne su Twitter a proposito della reunion degli One Direction nel 2020, sulla quale non si hanno comunicazioni ufficiali:

Per restare sempre aggiornato, aggiungi ai tuoi contatti su smartphone il numero 3770203990 e invia un messaggio WhatsApp con testo “NEWS”. Il servizio è completamente gratuito! In qualsiasi momento sarà possibile disdirlo inviando un messaggio con testo “STOP NEWS” allo stesso numero.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.