Come promesso, requisiti modem libero Vodafone online da oggi 19 febbraio (guida per velocità di connessione)

Finalmente il tanto atteso passo dell'operatore, come si procede per la configurazione degli apparati proprietari

2
CONDIVISIONI

Nessun riserbo più sul modem libero Vodafone ed oggi 20 febbraio tutti coloro che vorranno usufruire di un proprio apparecchio per la connessione di rete della linea fissa di casa avranno a disposizione i giusti requisiti per le impostazioni di navigazione. Dopo una lunga attesa e tanti approfondimenti sull’argomento riportati sulle nostre pagine, possiamo confermare ai nostri lettori, proprio un’anticipazione fornita ieri che avrebbe voluto in queste ore la pubblicazione ufficiale della sezione del sito Vodafone appunto legata all’argomento.

Chiunque sia interessato al modem libero Vodafone e dunque a procedere all’installazione di un router proprietario, dovrà visitare la specifica guida che il vettore unico ha messo a disposizione dei suoi clienti di linea fissa. Va ricordato come l’apparato personale dovrà implementale i livelli protocollari forniti per funzionare correttamente, sia a livello fisico (quelli appunto del modem presente in casa) che superiore (adaptation protocol/encapsulation), per giungere infine alla corretta instaurazione della sessione IP per la navigazione.

Visitando la pagina dedicata al modem libero Vodafone, i nostri lettori troveranno le linee guida da adottare per tre diverse tipologie di accesso alla rete Vodafone, più esattamente con velocità fino a 20Mbps, a 200Mbps e a 1Gbps. Per ottenere tutte le informazioni necessarie all’installazione del proprio apparato, suggeriamo di navigare la sezione del sito attraverso un menù superiore che presenterà sia i requisiti tecnici minimi necessari, sia i parametri di configurazione e infine pure alcuni dettagli sulle restrizioni dei servizi disponibili.

In caso di dubbi relativi alla configurazione sul modem libero Vodafone, consigliamo di contrattare l’assistenza al numero unico 190 o in chat  attraverso l’app MyVodafone. Non è ancora chiaro se proprio Vodafone metterà a disposizione dei clienti meno avvezzi alla procedura alcuni operatori per la guida passo passo all’installazione degli apparati.  Il concorrente TIM ad esempio garantisce questo tipo di servizio ma a pagamento, non possiamo escludere dunque che anche in questo caso ci si comporterà allo stesso modo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.