Prove di patch B179 per Honor 10: prime segnalazioni e funzioni legate all’aggiornamento

Prime notizie riguardanti la patch di metà febbraio per il top di gamma 2018. Tutto quello che sappiamo finora

2
CONDIVISIONI

Ci sono segnalazioni interessanti giunte in redazione oggi 17 febbraio, a proposito di uno smartphone come il cosiddetto Honor 10. Dopo aver condiviso con voi un bilancio sulla patch di gennaio attraverso un articolo apposito, soprattutto per quanto riguarda la batteria, stavolta bisogna prendere in esame un pacchetto software che almeno sulla carta potrebbe rivelarsi più pesante del previsto. Proviamo dunque a vederci chiaro, sperando che tutti possano scaricare nel più breve tempo possibile il firmware B179. 

A cosa dovrebbe servire l’aggiornamento in questione? Gli utenti al momento abilitati al download dell’upgrade ci parlano di una patch dal peso superiore ai 400 MB, che almeno sulla carta non dovrebbe limitarsi a migliorare gli standard di sicurezza dello stesso Honor 10. Secondo le informazioni raccolte, più in particolare, dovremmo andare incontro in primo luogo ad un miglioramento dell’esperienza di utilizzo per il dispositivo dal punto di vista delle chiamate. Il changelog, a tal proposito, non ci fornisce ulteriori spunti.

La notifica via OTA, poi, ci dice anche che vengono ottimizzate le indicazioni in alcune schermate, oltre al fatto che dovremmo ottenere miglioramenti anche sugli avvisi operazioni in determinate pagine. Insomma, informazioni molto generiche quelle che vengono fornite ai possessori di un Honor 10 prima di procedere con il download dell’aggiornamento B179. Evidentemente, qualche certezza in più sulla reale natura del firmware la potremo avere solo nelle prossime settimane, quando ci sarà una maggiore distribuzione della patch.

Nel frattempo, qualora abbiate avuto la possibilità di toccare con mano il nuovissimo aggiornamento di metà febbraio sul vostro Honor 10, non esitate a farcelo sapere. Commentate pure l’articolo odierno esprimendo il vostro punto di vista sugli effetti di un pacchetto software giunto prima del previsto a bordo del top di gamma 2018, almeno stando agli standard di questo produttore.

Lascia un commento: