Un concerto per Lucio Dalla a Bologna il 4 marzo con Ron, Francesco Gabbani, Marco Masini e tanti altri

Arriva il concerto per Lucio Dalla a Bologna nel giorno del suo 76° compleanno.

Arriva un concerto per Lucio Dalla a Bologna in occasione di quello che sarebbe stato il suo 76° compleanno. La location scelta non poteva che essere quella della sua amata città.

L’occasione è quella giusta per celebrare i 40 anni dall’album che porta il suo nome e nel quale si contano alcuni dei suoi maggiori successi, a cominciare da Anna e Marco per continuare con L’anno che verrà e Cosa sarà. Lo spettacolo è in programma a pochi giorni dal 7° anniversario dalla morte dell’artista.

Il Teatro Comunale di Bologna ospiterà quindi l’evento che conclude la tre giorni dedicata a Lucio Dalla, per il quale sono attesi diversi colleghi e amici che si prenderanno l’onere e l’onore di ricordare uno degli artisti più amati e rivoluzionari degli ultimi anni, strappato troppo presto alla vita e in modo improvviso.

A dirigere l’orchestra dell’evento sarà Beppe D’Onghia, che si è anche occupato degli arrangiamenti dei brani da portare sul palco, mentre tra gli ospiti si contano i nomi degli immancabili Ron e Gaetano Curreri, ma anche Luca Carboni, Francesco Gabbani, Marco Masini, Lo Stato Sociale, Giovanni Caccamo e Renzo Rubino. E ancora Graziano Galatone, Iskra Menarini e Riccardo Majorana.

Ad accompagnare i presenti saranno i musicisti storici che hanno seguito Lucio Dalla fino agli ultimi anni di carriera, con Maurizio Dei Lazzaretti, Teo Ciavarella, Gionata Colaprisca, Roberto Costa, Bruno Mariani, Massimo Sutera. Infine, ci saranno Jimmy Villotti e Fio Zanotti. Lo spettacolo sarà inoltre proposto in chiave prosastica grazie alla presenza di Caterina Gabrieli e Brian Boccuni che svolgeranno la funzione di narratori.

In queste settimane è ancora possibile ammirare le luminarie natalizie con le parole di L’anno che verrà che il Comune di Bologna ha voluto tenere accese dopo il successo riscosso nel periodo di Natale. Le luci rimarranno accese, sulla via D’Azeglio, fino al 4 marzo 2019.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.