Tre promozioni Vodafone con pubblicità ingannevole: stavolta vince Iliad

Alcune precisazioni importanti sulla questione che sta facendo tanto discutere in ambito mobile

2
CONDIVISIONI

Ci sono alcuni dettagli da prendere in esame oggi 15 febbraio, in merito alla solita disputa tra Vodafone e Iliad. A quanto pare, infatti, l’operatore rosso sarebbe finito al centro di una nuova “denuncia” da parte del brand transalpino, ormai deciso a ribattere colpo su colpo alle diverse accuse giunte dai propri competitor in questo mesi. Come si potrà notare dal nostro approfondimento odierno, dunque, Vodafone deve fare i conti con un’altra grana dopo quella riguardante la mancata risoluzione di alcuni problemi legati al modem libero (qui trovate maggiori informazioni in merito).

Dopo alcune segnalazioni proprio da parte di Iliad, infatti, in queste ore si è pronunciato l’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria (IAP), con un doppio verdetto da analizzare con grande attenzione. Se nel primo caso, a proposito della strategia comunicativa che è stata utilizzata per la campagna riguardante Vodafone Giga Network 4.5G non è stata riscontrata alcuna irregolarità, nel secondo è andata diversamente.

Parlo delle offerte Vodafone Unlimited, ed in particolare delle cosiddette Unlimited x3, Unlimited x4 Pro e Unlimited RED. In particolare, dallo studio emerge che alcune campagne pubblicitarie lanciate in Rete dall’operatore sarebbero in netto contrasto con l’articolo 2 del Codice di Autodisciplina. A tal proposito si parla in modo esplicito della cosiddetta “informazione necessaria per comprendere la limitazione della navigazione senza limiti, che non comprende i contenuti accessibili attraverso i link delle app”.

Alla luce della nuova pronuncia da parte del Giurì, Vodafone dovrà decidere se rimuovere integralmente la campagna in questione tra le pubblicità in circolazione, oppure se far fuori solo quei dettagli che si riferiscono alla stessa pronuncia. Di sicuro dobbiamo aggiungere un nuovo capitolo alla disputa tra Iliad e Vodafone, in un contesto che vede i rapporti tra le parti sempre più tesi.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.