Ziva torna in NCIS 16? La verità sul suo destino svelata nell’episodio 13 (video)

Dopo la messa in onda dell'episodio 13 il ritorno di Cote de Pablo nel procedural CBS sembra più che probabile: Ziva torna in NCIS 16?

61
CONDIVISIONI

Ormai il pubblico della serie non si chiede più se Ziva torna in NCIS 16, ma piuttosto quando tornerà, dopo le rivelazioni dell’episodio 16×13.

Riassunto delle puntate precedenti: l’agente Ziva David ha lasciato l’NCIS all’inizio dell’undicesima stagione trasferendosi in Israele, dopo che al termine della decima aveva salvato insieme a Tony e McGee il capo Gibbs dalle accuse di occultamento di prove e ostruzione alla giustizia. Ma la sua storia si è apparentemente conclusa con la morte nella tredicesima stagione, quando è stata dichiarata scomparsa dopo il colpo di mortaio che ha distrutto la sua casa, sparato per ordine dall’agente della CIA corrotto Trent Kort che intendeva vendicarsi di suo padre Eli David. Sopravvissuta all’attacco, invece, la piccola Tali, figlia di Ziva e di Tony di cui nessuno conosceva l’esistenza: la scoperta di essere padre spinge anche DiNozzo a cambiare vita e lasciare l’NCIS al termine della tredicesima stagione.

Il fatto che il corpo di Ziva non sia mai stato trovato ha però fatto sperare il pubblico di poter rivedere prima o poi l’attrice Cote de Pablo in NCIS. E l’episodio numero 13 della sedicesima stagione sembra finalmente aver chiarito il destino della David.

ATTENZIONE SPOILER!

Nell’episodio dal titolo She, la squadra indaga sul caso di una bambina di 9 anni, Lily, trovata nascosta in un magazzino: il suo ritrovamento porta gli agenti a riaprire un vecchio caso di scomparsa che riguardava la figlia di una recluta della Marina, Morgan Burke. Ed esaminando il fascicolo negli archivi, l’agente Ellie Bishop (Emily Wickersham) scopre che Ziva aveva segretamente seguito il caso anche dopo la sua archiviazione, con indagini private: così mostra a Gibbs (Mark Harmon) una pagina del diario della David contenente una lettera che la madre della vittima del rapimento le aveva dettato prima di morire di cancro. Ziva aveva promesso che avrebbe mostrato questa lettera al rapitore della figlia una volta che fosse stato trovato. Ma quando il responsabile è stato catturato e Bishop ha deciso di mantenere la promessa di Ziva, l’uomo ha reagito di fronte a quella lettera sostenendo che “qualcuno è già venuto qui a dirmelo” e ha promesso di “diventare il mio incubo“. Tornata all’ufficio privato da cui Ziva ha seguito il caso, la Bishop trova un cappotto e una sciarpa con un foglio che contiene un messaggio per lei: “Eleanor Bishop, per la sicurezza della mia famiglia, per favore mantieni il mio segreto“.

Dunque, sembra proprio che Ziva sia ancora viva, ma si sia finta scomparsa per garantire la sicurezza di sua figlia. A questo punto non è da escludere che nei prossimi episodi di NCIS 16 il personaggio possa riemergere dall’ombra. Una mossa che aiuterebbe NCIS a recuperare l’affezione di una parte del pubblico delusa dai tanti addii degli ultimi anni, da quello a Tony DiNozzo (Michael Weatherly) a quello recente ad Abby Sciuto (Pauley Perrette).

L’attrice, parlando del suo addio alla serie, non ha escluso un potenziale ritorno, ma solo ad una condizione, ovvero se la sceneggiatura che le sarà proposta sarà all’altezza delle sue aspettative per questo personaggio che ha molto amato: per questo non ha accettato di prendere parte alle successive stagioni con piccoli camei, come ha dichiarato a FOX News.

Adoro questo personaggio, ho lavorato per otto anni creando questo personaggio e amandolo, ho sentito o percepito che il personaggio non era trattato con il rispetto che pensavo meritasse. Hanno voluto mandarla in Israele e renderla una donna triste e miserabile… e non pensavo che fosse giusto. A meno che qualcuno non possa davvero scrivere qualcosa di fantastico, non tornerò indietro.

Avrà cambiato idea?

Lascia un commento: