Wildside firma la prima serie Amazon tutta italiana e attacca Netflix: tutti i dettagli sul progetto

Wildside firma la prima serie italiana di Amazon Prime

E alla fine anche Amazon va all’attacco di Netflix. Dopo il duro colpo subito con l’addio (o quasi) delle serie Marvel, sembra proprio che il prossimo attacco per la piattaforma, almeno in Italia, arriverà da Wildside pronta a firmare la prima serie tutta italiana che finirà su Amazon Prime che ha confermato i rumors dei giorni scorsi.

Al momento non si conosce ancora il titolo della serie ma sembra che sarà un crime-drama scritto da Nicola Guaglianone (Lo chiamavano Jeeg Robot) e Menotti e le riprese sono già in programma per questo anno. La serie sarà prodotta da Wildside sarà disponibile in esclusiva su Prime Video in più di 200 paesi e territori in tutto il mondo. Al momento non ci sono molti dettagli ma sembra proprio che al centro della serie ci saranno gli anni ottanta e la storia di una ragazza adolescente timida e insicura che diventa il membro più giovane della mafia milanese.

A spingerla non saranno ambizione e soldi ma solo la voglia di avere l’amore di suo padre. A commentare la trama della serie è Georgia Brown, direttore dei prodotti originali europei per Amazon Prime, che si è detta felice per la serie scritta per la TV da Nicola Guaglianone e Menotti e lo stesso CEO di Wildside, Lorenzo Mieli, ha rilanciato:

“Siamo onorati di rappresentare la prima produzione italiana di Amazon Prime e siamo ancora più felici di iniziare questa collaborazione con un progetto che, grazie ad una combinazione di linguaggi narrativi, tra crime, comedy e drama, si fonde in una storia che è una rappresentazione dell’Italia, ma che esplora anche temi universali come quello del rapporto tra genitori e figli. Tutto da un punto di vista femminile”.

A quanto pare i temi sono un po’ quelli tipici della televisione italiana, sarà un successo o un flop? Aspettiamo un po’ prima di dirlo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.