Il figlio di Chester Bennington partecipa alla registrazione dei vecchi materiali della prima band del padre

I Grey Daze sono entusiasti: "Suo padre sarebbe orgoglioso di lui, Jamie ha la voce simile alla sua"

Dopo la commovente partecipazione postuma dell’ex Linkin Park all’album “Anesthetic” di Mark Morton dei Lamb of God, il figlio di Chester Bennington sta collaborando con la prima band del padre per la registrazione dei vecchi materiali. Jamie, questo il nome del giovane ragazzo di 22 anni, è comparso in un post dei Grey Daze, la band post-grunge nella quale il compianto frontman dei Linkin Park ha militato come cantante dal 1993 al 1998.

I Grey Daze avevano già annunciato il loro ritorno nel 2017, poco dopo la morte di Chester Bennington, ma nelle ultime ore la band ha rivelato sia sul magazine Kerrang che sulla propria pagina Facebook il coinvolgimento di Jamie per il rilancio del vecchio materiale in una veste nuova. Nel post pubblicato sui social si vede proprio il giovane Bennington nello studio di registrazione. I membri della band scrivono: «Chester sarebbe molto fiero di suo figlio Jamie Bennington. Abbiamo visto Jamie cantare insieme a suo padre la sera scorsa agli NRG Recording Studios e la sua voce è fantastica! Somiglia moltissimo a quella di suo padre e siamo stati tutti molto orgogliosi di essere parte di questo».

Le novità, tuttavia, non sono finite. Oltre al giovane Jamie, tra gli artisti che stanno prendendo parte ai lavori dei Grey Daze ci sono anche Head e Munky dei Korn, Marcos Curiel dei POD e Christ Traynor dei Bush. I Grey Daze registrarono due album, “Wake me” nel 1994 e “No sun today” nel 1997, e per non spegnere il ricordo della loro carriera hanno scelto di rispolverare il vecchio materiale e registrarlo in compagnia del figlio di Chester Bennington, che lasciò la band a seguito di alcuni dissapori ed entrò negli Hybrid Theory, che un giorno sarebbero diventati i Linkin Park e avrebbero salvato gli anni 2000 dal tracollo eccessivamente commerciale che l’industria discografica stava accusando con la fine degli anni ’90.

Lascia un commento: