Sempre a febbraio il modem libero Vodafone? Ancora attesa per i parametri di configurazione

Una nuova rassicurazione del vettore rosso, nonostante il tempo passi inesorabile

3
CONDIVISIONI

L’incredibile e lunga saga del modem libero Vodafone continua. I clienti del vettore rosso non possono ancor usufruire di un router non proprietario dell’operatore  (configurandone le opportune impostazioni) e dunque sono costretti a sostenere in bolletta anche il noleggio di un apparato non proprio. La situazione è nota da tempo e pure da noi già affrontata, nonostante la recente delibera AGCOM che impone a tutti i gestori di garantire libera scelta ai clienti. Ci si aspettava a tal proposito una svolta nel mese di febbraio ma purtroppo questa non è ancora giunta: motivo in più per fare di nuovo un punto della situazione.

L’operatore ha ripetuto fino allo sfinimento attraverso i suoi canali social e quelli ufficiali che sono in corso degli interventi sulle infrastrutture per garantire ai clienti l’utilizzo di router proprio. In questi giorni proprio il vettore rosso ha diffuso un tweet di risposta indirizzato ad un cliente piuttosto infastidito della situazione, assicurandogli un ricontatto entro la fine del corrente mese per sbloccare finalmente la situazione. Avevamo già riportato lo stesso termine ultimo ma catturato attraverso una chat privata di assistenza: appare ora più significativo invece che il riscontro avvenga in maniera pubblica.

Oggi 1 febbraio, possiamo credere che finalmente il modem libero Vodafone sarà realtà entro un paio di settimane. Non possiamo che affidarci alle parole del vettore, sperando che al ricontatto degli utenti interessati al router proprietario, si affianchi un’adeguata campagna di comunicazione che metta in rilievo proprio la nuova possibilità garantita ai clienti. I parametri di configurazione degli apparati privati dovranno di certo esseri in bella mostra sul sito del’azienda proprio per garantire a tutti di procedere verso la nuova direzione garantita per legge. Molti dei concorrenti come TIM e non solo si sono già mossi da tempo proprio in questa direzione come riportato in una nostra recente guida.

 

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.