Irama all’attico Monina a Sanremo (video): “Per il Festival sono andato contro chi avevo intorno”

La rivelazione di Irama all'attico Monina a Sanremo (video): "Per portare La ragazza dal cuore di latta al Festival sono andato contro chi avevo intorno"

4
CONDIVISIONI

Vincitore di Amici di Maria De Filippi lo scorso anno e oggi di ritorno sul palco dell’Ariston, Irama ospite all’attico di Monina ha raccontato come è arrivata questa partecipazione da Big al Festival dopo un anno di grande esposizione mediatica in seguito al trionfo nel talent di Canale5.

Il cantautore, che aveva già esordito all’Ariston nel 2016 in gara tra le Nuove Proposte, nell’edizione vinta da Ermal Meta, ha raggiunto il critico musicale Michele Monina nel suo attico a Sanremo per parlare del brano con cui concorre per il Leoncino d’oro.

Irama spiega di aver fortemente voluto presentare questo brano alle selezioni per il Festival 2019 nonostante il parere contrario del suo entourage e racconta di aver escluso La ragazza col cuore di latta dal suo album in studio Plume proprio in previsione di un’eventuale ammissione al Festival di quest’anno.

Sanremo è stata proprio una scelta, in senso positivo, ma sono andato contro anche chi avevo intorno perché volevo portare questa canzone in particolare che avevo tenuto da parte mentre scrivevo il disco. Se avessi partecipato a Sanremo avrei voluto portare proprio La ragazza col cuore di latta.

Un brano che parla di violenza domestica e che Irama racconta spiegandone la struttura, immaginata come un crescendo che parte da un’introduzione edulcorata per poi culminare in un inno alla vita dopo il racconto di atroci sofferenze.

Mentre la scrivevo l’ho divisa in due parti, una quasi fiabesca, dolce, che fa entrare nella storia, la seconda è un pugno nello stomaco, che ti arriva diretto, la terza è un’esplosione raccontata anche da un coro gospel femminile, un inno alla vita, a non smettere di credere nelle persone. Il ritornello è un suono particolare, l’ho scritto pensando quasi ad una preghiera, per questo ho voluto un coro per dare una sfaccettatura non solo italiana, nonostante io ami il cantautorato italiano, ma noi giovani dobbiamo anche guardare fuori con la nostra musica, è giusto essere in connessione col mondo, l’Italia da tanto non lo è più.

Più che la pressione della gara in sé e dei pronostici che lo danno per favorito, spiega Irama, sente quella della responsabilità di parlare di un tema importante come quello della violenza sulle donne e degli abusi in ambito familiare.

Il dopo Sanremo per Irama vuol dire tornare in tour, recuperando anche alcune date che ha dovuto riprogrammare proprio per via dell’impegno al Festival. Gli appuntamenti principali sono il concerto al Mediolanum Forum di Milano e l’uscita della riedizione del suo album Giovani per sempre, che sarà presentato con alcune date instore.

 

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.