Prove tecniche di umanità in The Flash 5×14: Cisco e Nora in pole per l’addio al team

Nora e Cisco sono pronti a lasciare il team Flash? I primi spoiler fanno tremare i fan

35
CONDIVISIONI

The Flash 5×14 è ormai alle porte e con esso anche il fatto che qualcuno potrebbe presto cedere il suo posto nel team di Barry, che sia proprio Cisco quello che si sacrificherà o che, alla fine, deciderà di mollare tutto?

Il prossimo episodio, in onda proprio martedì negli Usa, metterà il team al centro di questa continua lotta per trovare la cura anti meta e mentre Caitlin non sembra intenzionata ad usarla (proprio il contrario però potrebbe essere il colpo di scena per il finale di stagione), Cisco vorrebbe un po’ provare la vita da “umano” senza pensieri e problemi.

Barry Allen è invece intenzionato ad usare la cura su Cicada (Chris Klein) proprio per riuscire a metterlo ko e sconfiggerlo ma lo stesso showrunner Todd Hellbing ha riferito: “Una delle cose che stiamo iniziando a trattare con Cisco è che Barry e Iris sono in grado di destreggiarsi tra la vita da supereroe con una relazione, un matrimonio, ma Cisco è un po’ meno certo che sia in grado di farlo e non sa se lo vorrebbe”. Sarà proprio questo a spingerlo a provare?

Anche per Nora le cose non andranno meglio soprattutto dopo che la madre finirà nei guai e lei si accorgerà che quello che ha fatto per difenderla non l’ha tenuta al sicuro come pensava. Proprio nell’ultimo episodio, quello andato in onda ieri sera negli Usa, la giovane ha pensato bene di chiedere aiuto ad Eoboard per riuscire a spingere Sherloque a non indagare su di lei ma senza ottenere molto. Adesso che la madre finirà in pericolo cambierà il suo modo di fare e di mentire?

Nell’episodio scritto proprio da Todd Helbing dal titolo “Cause and XS“, Barry mette a punto gli ultimi ritocchi sulla cura meta umana che potrebbe aiutarlo contro Cicada, la resa dei conti è ormai vicina? Ecco il promo del prossimo episodio in onda il 12 febbraio negli Usa:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.