Anticipazioni e significato delle emoji WhatsApp 2019: in arrivo 230 emoticon

Novità già disponibili per le principali app di messaggistica. Ecco cosa sappiamo oggi 6 febbraio

1
CONDIVISIONI

Giunge direttamente da Unicode un vero e proprio antipasto su quello che ci aspetta nel corso dei prossimi mesi, in riferimento alle emoji WhatsApp 2019, che in realtà potremo toccare con mano anche attraverso app di messaggistica. Dopo le informazioni preliminari che abbiamo condiviso con voi a fine gennaio, infatti, possiamo concentrarci su 230 emoticon potenzialmente in grado di fare la differenza. Insomma, ci apprestiamo ad andare incontro ad una piccola rivoluzione per quanto concerne l’esperienza di utilizzo delle suddette app.

Come avrete notato dall’immagine riportata ad inizio articolo, le emoji WhatsApp 2019 consentiranno di riscontrare una bella rinfrescata alle varie categorie. Qualche esempio? Al dì là di nuove faccine, come nel caso dell’uomo che sbadiglia, si darà tanto spazio ai disabili. Basti pensare ai sordi o a coloro che sono costretti su una sedia rotelle, fino ad arrivare a nuove pietanze e cani legati con un guinzaglio. Insomma, non c’è un tema preciso al centro di questo nuovo aggiornamento.

Fondamentalmente, le emoji WhatsApp 2019, ma più in generale per le varie app di messaggistica, andranno ad introdurre 230 emoticon soprattutto per la tonalità della pelle. Tantissime combinazioni di faccine, alternando il sesso ed il colore della pelle, utili per dare una bella ripassata al ventaglio delle nostre alternative disponibili durante una conversazione privata o di gruppo. Come sempre, è impossibile prevedere la data di uscita delle faccine, anche se addetti ai lavori vicini al mondo Apple parlano di un potenziale appuntamento legato alla distribuzione dell’aggiornamento iOS 13 a fine estate. Conferme in tal senso anche da 9to5Mac.

Restate sintonizzati sulle nostre pagine per ulteriori approfondimenti sulle emoji WhatsApp 2019, ma anche sul significato delle singole emoticon in attesa della piena distribuzione di un aggiornamento destinato a fare la differenza. Che idea vi siete fatti in questo particolare contesto? Commentate pure l’articolo di oggi.

Commenti (1):
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.