Abbiamo ancora speranze con l’Asus ZenFone 3 Zoom: via alla patch 64 per chiudere gennaio

Spunta un aggiornamento che spiazza tutti in queste ore per un device che sembrava ormai abbandonato

31
CONDIVISIONI

C’è ancora speranza per una famiglia di smartphone ancora oggi molto popolare in Italia, considerando le ultime notizie emerse a proposito del cosiddetto Asus ZenFone 3 Zoom. Ad oltre quattro mesi dal nostro ultimo bollettino, con cui vi parlammo dell’aggiornamento di fine estate per lo smartphone, arriva un po’ a sorpresa una nuova patch anche in Italia oggi 31 gennaio. Secondo le prime informazioni raccolte, si tratta dell’upgrade 64, i cui contenuti per forza di cose vanno analizzati con grande attenzione dai nostri lettori.

La conferma sulla disponibilità del nuovo pacchetto software per lo smartphone arriva direttamente da ASUS, visto che in mattinata è apparso un topic su ZenTalk che sembra lasciare poco spazio ai dubbi. Fondamentalmente, sono due i punti sui quali ci dobbiamo soffermare in queste ore per analizzare più da vicino l’aggiornamento 64 per tutti coloro che ancora oggi sono legati ad uno smartphone come l’Asus ZenFone 3 Zoom.

Da un lato viene annunciata la disponibilità di un nuovo upgrade per la sicurezza, anche se non si specifica il mese della patch (probabilmente dicembre, se non addirittura gennaio), mentre dall’altro pare siano stati risolti alcuni problemi segnalati soprattutto ad inizio autunno da coloro che sono ancora legati ad un Asus ZenFone 3 Zoom. Mi riferisco ai miglioramenti che sono stati assicurati a tutti per quanto concerne la connessione bluetooth e quelli della fotocamera, anche se il changelog non scende troppo nello specifico sotto questo punto di vista.

Quanto riportato oggi 31 gennaio sull’Asus ZenFone 3 Zoom, in ogni caso, dà speranze anche a chi dispone di altri device appartenenti a questa famiglia, in primis lo stesso ZenFone 3. Possibile che lo smartphone, ancora popolarissimo qui in Italia, non sia stato abbandonato dal punto di vista software. Che idea vi siete fatti su questa vicenda?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.