Nel finale di Ray Donovan 6 arriva il riscatto per il protagonista? Sacrifici e passi indietro chiudono la stagione

I protagonisti pronti a fare i conti con il passato e i suoi fantasmi nel finale di Ray Donovan 6

11
CONDIVISIONI

Una serata movimentata quella di ieri sera negli Usa e mentre in Italia gli occhi erano puntati su La Dottoressa Giò, il pubblico oltreoceano si divideva tra True Detective 3 e il finale di Ray Donovan 6. Storie di ordinaria follia per noi e per coloro che sono abituati a seguire ogni sera episodi su episodi almeno fino a che qualcosa di importante accade come è successo ieri sera per la serie Showtime. La sesta stagione è arrivata al capolinea ma ha regalato a Ray quel barlume di luce che i primi episodi non sono stati in grado di dargli.

Il suo trasferimento a New York e l’inizio di una nuova vita erano solo una parte delle favole che Ray si è raccontato fino a quando non ha capito che niente era cambiato. A fare da spartiacque è stato il rapimento di Bridget. Questa è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso cambiando qualcosa dentro di lui e spingendolo a tornare verso quella famiglia da cui a lungo è scappato.

Il finale della sesta stagione, “The Dead”, andato in onda qualche ora fa negli Usa, è proprio su questo che verte, ovvero sui Donovan che finalmente possono ritrovarsi dopo tutto quello che è successo in passato e nonostante la morte di Abby. L’emozione non manca e non solo per il riavvicinamento quasi fisiologico al quale Ray ha dovuto cedere ma anche perché proietta i Donovan verso una nuova vita (e la nuova stagione) ripartendo dalla loro forza, la loro unione.

Inseguimenti e irruzioni fanno il resto portando gli equilibri in famiglia e la consapevolezza che uno di loro dovrà andare verso le porte del carcere, a chi toccherà? Sembra che il destino segnato sia quello di Mickey ma rivedere i Donovan seduti intorno ad un tavolo è già la grande conquista di questa sesta stagione in attesa della settima già annunciata.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.