Nuovo approccio dell’assistenza per Asus ZenFone 3 con problemi alla fotocamera nel 2019

Alcune istruzioni che potrebbero fare la differenza in questo periodo per chi intende puntare sull'assistenza di ASUS

19
CONDIVISIONI

Trapelano proprio in queste primissime settimane del 2019 alcuni interessanti spunti, tramite i feedback di coloro che si sono rivolti all’assistenza dopo aver riscontrato problemi con il proprio Asus ZenFone 3. Inutile dire che la questione verte attorno alla mancata messa a fuoco della fotocamera, con l’approccio da parte del produttore che sembra essere cambiato negli ultimi tempi. Nella seconda metà del 2018, infatti, ho riscontrato che spesso e volentieri la decisione fosse quella di puntare sulla sostituzione del modulo riguardante la stessa fotocamera, con restituzione del device nel giro di una decina di giorni.

Ora l’approccio è cambiato e, a quanto pare, la divisione italiana dopo aver accertato la natura del problema potrebbe contattare i diretti interessati per la sostituzione del device. Solitamente per chi ha scelto originariamente un Asus ZenFone 3 di colore nero la procedura è automatica, mentre per le colorazioni bianche è necessario chiedere dapprima il consenso all’utente finale. Appare evidente che il produttore disponga esclusivamente della variante scura “in stock”, mentre nel caso l’utente desideri riavere uno smartphone bianco, allora i tempi di attesa si allungheranno.

Occhio anche alla questione garanzia. In caso di sostituzione del vostro Asus ZenFone 3, il termine non sarà “resettato”. Cosa vuol dire? Semplicemente che sarete coperti fino alla scadenza originale, quella del primo smartphone, nonostante abbiate ricevuto (o siate in procinto di ricevere) un nuovo prodotto funzionante.

Per quanto riguarda il pubblico intenzionato a risolvere i problemi inerenti l’Asus ZenFone 3 senza ricorrere all’assistenza del produttore, considerando che in alcuni casi emergono altre anomalie che richiedono un intervento a pagamento da parte del colosso asiatico, vi ricordo che potete prendere come punto di riferimento alcuni nostri consigli che risalgono al mese di ottobre. Insomma, occorre essere preparati ad ogni evenienza nel momento in cui si decide di inviare lo smartphone al produttore. Avete maturato esperienze di natura differente? Fateci sapere commentando l’articolo di oggi.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.