Pedro Alonso racconta le prime scene di Berlino ne La Casa di Carta 3 girate a Firenze: “Sequenze delicate ed intime”

Dopo le riprese italiane Pedro Alonso racconta le prime scene di Berlino ne La Casa di Carta 3: l'attore ha girato sequenze molto delicate

53
CONDIVISIONI

Quelle realizzate in Italia sono state le prime scene di Pedro Alonso nuovamente calato nei Berlino ne La Casa di Carta 3: sui suoi canali social, l’attore ha raccontato l’emozione di essere tornato ad interpretare il fascinoso e crudele ladro nella serie spagnola di Netflix dopo aver lasciato il nostro Paese, confermando che quelli italiani sono stati i suoi primi ciak.

L’attore, che si è anche intrattenuto col collega Alvaro Morte al Museo degli Uffizi, ha girato proprio a Firenze le sue prime scene nella produzione della terza stagione della serie, che teoricamente non avrebbe dovuto prevedere la sua presenza visto l’epilogo drammatico del finale della rapina.

E invece Alonso è tornato in scena e lo ha fatto al fianco di Morte, per ricomporre la coppia Berlino-Professore su cui tanto si è vociferato nelle prime due parti: sono fratelli? O solo amici? O complici dall’affinità spiccata? Il pubblico se l’è chiesto più volte e probabilmente sarà la terza stagione a dare delle risposte in merito.

Sul suo profilo Instagram, l’attore ha spiegato che quelle girate a Firenze sono state sequenze molto delicate, soprattutto perché era la prima volta che tornava ad interpretare Berlino ne La Casa di Carta 3: non è stato facile portare a casa le scene, visto che sono state girate in pieno centro storico tra piazza Duomo e piazzale Michelangelo con centinaia di persone assiepate dietro le transenne per scattare foto e girare video. Una situazione non ideale, in cui pure Alonso ha cercato di trovare il modo più adatto per restituire in modo credibile il suo personaggio.

Se le riprese stanno procedendo di pari passo con la sceneggiatura (cosa non scontata, anzi piuttosto rara), vuol dire che quelle intraviste nei video trapelati dal set di Firenze saranno le prime immagini di Berlino ne La Casa di Carta 3, stando al racconto di Alonso.

Era il mio primo giorno. Un paio di sequenze delicate. Una molto intima. Ero circondato. Le persone si sono sostanzialmente comportate bene. Ma le ore di sole erano contate, la condizione per cercare la concentrazione era il caos, stavo rifacendo il personaggio dopo più di un anno e mezzo, la mia connessione non è esattamente né può essere la stessa di prima con la mia presenza in questa stagione… La domanda che mi pongo è. Come continuare ad evolversi. Crescendo. È chiaro che la tentazione è un controllo sempre maggiore. Ma qualcosa mi dice che la strada è l’opposto. Scendi lungo la linea di precipizio. Proprio ai margini del disastro. Sintonizza l’orecchio. E senti quando l’onda d’aria è adeguata per saltare.

La terza stagione della serie, inizialmente attesa per la primavera 2019 su Netflix, potrebbe slittare al 2020.

View this post on Instagram

Who’s bad. Money heist. City of Florence. Incredible capture @ornellabur ???❤️⛩ Le escribo a mi amigo @sedes Menuda sesión en Florencia. Era mi primer día. Un par de secuencias delicadas. Una muy íntima. Rodeados. La gente básicamente se portó bien. Pero las horas de sol estaban tasadas al minuto, las condiciones para la concentración eran el mundo al revés, yo estaba desempaquetando al personaje tras más de un año y medio, mi conexión no es exactamente ni puede ser la misma con mi presencia en esta temporada… La pregunta qué me hago es. Cómo seguir evolucionando. Creciendo. Está claro que la tentación es más y más control. Pero algo me dice que el camino es el contrario. Ir por la línea del precipicio. Justo al borde del desastre. Afinar el oído. Y sentir cuándo la ola de aire es adecuada para saltar. Claro que de esa manera, si te la das, la hostia no te la quita nadie. Que el 19 me dé fuerzas para ser humilde. E insistir. Y que nos veamos.

A post shared by Pedro Alonso (@pedroalonsoochoro) on

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.