Audio e testo del nuovo singolo di Lana Del Rey, l’intima Hope is a dangerous thing for a woman like me to have (con frecciata a Kanye West?)

Ecco il nuovo singolo di Lana Del Rey, Hope is a dangerous thing for a woman like me to have, che sta suscitando polemiche per il suo testo

9
CONDIVISIONI

Ha un titolo che è un manifesto il nuovo singolo di Lana Del Rey. Ed è anche eccezionalmente lungo: Hope is a dangerous thing for a woman like me to have – but i have it (“La speranza è una cosa pericolosa per una donna come me – ma ce l’ho“).

Il nuovo singolo tratto dal prossimo album in studio Norman Fucking Rockwell, in uscita a marzo, è un brano dall’arrangiamento scarno, decisamente minimale, ma funzionale ad esaltare l’intimità del testo e l’interpretazione vocale della cantautrice, che evidentemente ha voluto valorizzare il significato del brano piuttosto che renderlo semplicemente orecchiabile.

Rispetto ai precedenti brani promozionali pubblicati a fine estate, Mariners Apartment Complex e Venice Bitch, stavolta la Del Rey ha voluto puntare su una canzone intima e, come nel suo stile, dalle atmosfere oniriche.

Pochi accordi di pianoforte accompagnano la voce della Grant mentre canta un testo che sembra un flusso di coscienza. Testo che però sta scatenando anche qualche polemica per alcuni versi: “Ho distrutto la città con il mio dannato vestito bianco / Come un maledetto sociopatico / Vedere scuotere il mio culo è l’unica cosa che può avere / questo narcisista nero alle mie spalle“. Sui social network è iniziato un tam tam che vedrebbe in quelle parole una frecciata a Kanye West, con cui la cantante ha avuto uno scontro l’anno scorso mostrando disappunto per il sostegno del rapper al presidente Donald Trump e definendo il cantante un narcisista patologico. Altri sostengono che non vi sia alcun riferimento a West perché il testo sarebbe stato scritto prima dell’ottobre scorso.

Ecco audio e testo del nuovo singolo di Lana Del Rey.

I was reading Slim Aarons
And I got to thinking that I thought
Maybe I’d get less stressed, if I was tested less like
All of these debutantes
Smiling for miles in pink dresses and high heels
On white yachts
But I’m not
Baby I’m not
No, I’m not
That I’m not

I’ve been tearing around in my fucking nightgown
24/7, Sylvia Plath
Writing in blood on my walls
‘Cause the ink in my pen don’t work in my notepad
Don’t ask if I’m happy
You know that I’m not but at best I can say
I’m not sad
‘Cause hope is a dangerous thing
For a woman like me to have
Hope is a dangerous thing
For a woman like me to have

I had fifteen year dances
Church basement romances yeah I’ve got
Spilling my guts with the Bowery Bums
Is the only love I’ve ever known
Except for the stage which I also call home
When I’m not serving up God in a burnt coffee pot
For the triad
Hello it’s the most famous woman you know on the iPad
Calling from beyond the grave, I just wanna say
“Hi dad”

I’ve been tearing up town in my fucking white gown
Like a goddamn near sociopath
Shaking my ass is the only thing that’s
Got this black narcissist off my back
She couldn’t care less
And I never cared more
So there’s no more to say about that
Except hope is a dangerous thing
For a woman like me to have
Hope is a dangerous thing
For a woman with my past

There’s a new revolution
A loud evolution
That I saw
Born of confusion
And quiet collusion of which
Mostly I’ve known
A modern day woman
With a weak constitution
‘Cause I’ve got
Monsters still under my bed
That I could never fight off
A gatekeeper carelessly dropping the keys on my nights off

I’ve been tearing around in my fucking nightgown
24/7, Sylvia Plath
Writing in blood on your walls
‘Cause the ink in my pen don’t look good in my pad
They write that I’m happy
They know that I’m not
But at best you can see I’m not sad
But hope is a dangerous thing
For a woman like me to have

Hope is a dangerous thing
For a woman like me to have
Hope is a dangerous thing
For a woman like me to have
But I have it
Yeah, I have it
Yeah, I have it
I have

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.