Come montare video con EMUI 9 su Huawei solo selezionandone i protagonisti: passaggi e video guida

Clip dedicate ad amici e parenti subito pronte, veri e propri highlights da godersi anche dopo le vacanze

9
CONDIVISIONI

EMUI 9 ha molte funzioni, ancora non tutte note a molti possessori di un device Huawei. L’ultima della serie che vogliamo spiegare ai nostri lettori è quella denominata Spotlight Reel che consente di montare video in pochi secondi con i protagonisti presenti nella galleria del telefono, senza particolare sforzo ma solo selezionandone i rispettivi volti. Niente di più facile insomma, grazie al contributo dell’AI e dunque dell’intelligenza artificiale.

Come visibile anche nel video al termine dell’articolo: ecco che semplicemente accedendo all’app Galleria, basterà cliccare sulle sezioni di filmato che contengono il volto di amici e parenti. Il telefono creerà per ognuno di questi un clip video di 10 secondi che contiene gli highlights (se così possiamo definirli) che lo rendono protagonista. Una modalità semplice e alquanto immediata per ottenere brevi filmati relativi ai nostri cari. Nella schermata relativa proprio alla funzione Spotlight Reel, gli “attori” prescelti saranno tutti mostrati in fila: sarà alquanto intuitivo dunque scegliere  un volto piuttosto che un altro per ottenere  il contenuto visivo prescelto.

Tutti i dispositivi Huawei con EMUI 9 possono beneficiare della funzione Spotlight Reel e dunque rendere possibile il montaggio video desiderato in pochi secondi? Per rendere possibile la modalità specifica, è necessario che il device in questione supporti determinate feature di intelligenza artificiale. I fortunati device che ne beneficiano attualmente sono senz’altro gli ultimi arrivati della serie Mate 20 ma anche i meno recenti (ma pur sempre ammiraglie ) Huawei P20.

EMUI  9 e intelligenza artificiale significano anche HiVision: quest’ultima funzione, come già raccontato, consente di puntare un  oggetto o un luogo con la fotocamera (un’opera d’arte ma anche una  piazza o un monuemto) per ottenerne informazioni specifiche  e immediate. Il riconoscimento è possibile su spazi aperti di ben 15 paesi nel mondo e su oltre 10 milioni di opere d’arte appunto. Lo stesso discorso vale per un gran numero di alimenti e cibi, anche questi ultimi di svariate culture del globo. Insomma l’IA con l’ultima interfaccia proprietaria Huawei non consente per nulla di annoiarsi.

Segui gli aggiornamenti della sezione Huawei sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.