Demi Lovato contro una pubblicità su instagram per il messaggio ai limiti del bodyshaming (foto)

Demi Lovato si è scagliata contro una pubblicità di un gioco su instagram: il messaggio dell'artista contro il bodyshaming.

13
CONDIVISIONI

Nelle ultime ore abbiamo assistito a Demi Lovato contro una pubblicità su instagram per via del cattivo messaggio che traspariva e che lei ha condannato.

Sfogliando il proprio feed, l’artista si è imbattuta nella pubblicità di Game Of Sultans, un nuovo gioco RPG che tratta la simulazione di un impero, in cui chi gioca può rivivere la vita del Sultano. Il problema, però, è l’immagine che andava a sponsorizzare il videogioco.

L’immagine riportava due personaggi femminili: il primo raffigurava una donna magra con la scritta positiva, che andava a indicare come fosse “carino” quello stato; al contrario, il personaggio contrapposto era definito “obeso”, andando a mettere a confronto le parole carina e obesa come fossero contrari.

Alla vista di questa pubblicità, Demi Lovato si è scagliata immediatamente contro, pubblicando nelle sue storie di instagram gli screen inerenti al gioco sponsorizzato e spiegando i motivi per cui ritiene ci sia un errore di fondo nel messaggio, che può risultare pericoloso.

Ci ha tenuto a specificare che l’essere carini non dipende dal peso, scrivendo che “Puoi essere carina qualunque sia la tua taglia”; l’artista si è mostrata, dunque, molto sensibile a questa tematica, probabilmente anche perché in passato lei stessa ha sofferto di disturbi alimentari e vorrebbe non ci fossero più tali distinzioni o discriminazioni in base al peso.

Tantissime le persone che hanno preso le sue parti, tra cui anche la collega Kim Kardashian che ha condiviso il post di Demi Lovato su twitter, in cui spiegava le sue ragioni.

Di seguito, le foto che riportano i messaggi di Demi Lovato contro la pubblicità di Game Of Sultans su instagram:

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.