Incredibile smartphone pieghevole Xiaomi: video lascia a bocca aperta

Se questo fosse realmente lo smartphone pieghevole Xiaomi non ce ne sarebbe per nessuno

8
CONDIVISIONI

Vi aspettavate di vedere da subito uno smartphone pieghevole Xiaomi in uno stato avanzato di sviluppo? Noi francamente no, ma grazie al contributo offerto dal solito Evan Blass il video dimostrativo è sotto gli occhi di tutti. Come affermato dallo stesso leaker, non è possibile stabilire con sicurezza che si tratti di un filmato attendibile al 100%, ma è innegabile che quel prototipo funzioni con la MIUI 10.

La clip si apre con quello che sembra essere a tutti gli effetti un tablet, i cui laterali ad un certo punto si ripiegano verso l’interno per farne uno smartphone. Una soluzione che si differenzia da quella presunta in adozione da parte di Samsung, il cui dispositivo pieghevole dovrebbe essere dotato di due pannelli, uno esterno e l’altro interno, naturalmente flessibile.

Un meccanismo all’apparenza perfetto quello con cui funziona il presunto smartphone pieghevole Xiaomi, che non immaginavamo fosse arrivato a questo punto nell’implementazione del progetto (che sappiamo essere portato avanti in egual misura anche da altri OEM, tra cui spicca in prima linea anche la conterranea Huawei). Come affermato da Evan Blass, non è il caso di esaltarsi troppo, in quanto il video potrebbe anche essere un fake (speriamo proprio di no). Prendete la notizia con un certo distacco, in modo poi da non restarci troppo male nel caso in cui non se ne faccia più niente.

Una cosa però potete dircela: ponendo che si tratti davvero dello smartphone pieghevole Xiaomi, quello riprodotto nel video sarebbe un dispositivo in grado di solleticare i vostri sensi, oppure preferite comunque attendere le prossime mosse di Samsung (non così poi troppo lontane)? Nel frattempo vi consigliamo di non perdervi la chicca dell’OEM cinese, sempre che il prototipo descritto sia veramente farina del suo sacco, come ci auguriamo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.