Il piccolo Andrea sul palco con Ultimo allo Stadio Olimpico di Roma, il bambino ospite de La Favola

Si chiama Andrea il bambino che salirà sul palco di Ultimo allo Stadio Olimpico di Roma: ecco come è andata.

949
CONDIVISIONI

Anche Ultimo ha il suo “Giuseppe”: si chiama Andrea. Come Ermal Meta cercò sui social il bambino prodigio che aveva suonato e cantato in un video il brano Non mi avete fatto niente, così Ultimo ha attivato una ricerca simile fino a giungere ad Andrea.

Se Giuseppe ha preso parte al concerto di Ermal Meta sold out al Mediolanum Forum di Assago (Milano) lo scorso aprile, nell’ambito della tournée a supporto del disco Non abbiamo armi, Andrea è il nome del bambino che salirà sul palco con Ultimo in occasione dell’evento La Favola. Il tour 2019 del catautorap, infatti, comprende un grande concerto allo Stadio Olimpico di Roma in programma per il prossimo 4 luglio, dopo il tour nei palasport italiani in programma a maggio.

Colpito dalla voce di un bambino sulle note del singolo Poesia senza veli, nella serata di ieri Ultimo ha condiviso un frammento del video su Instagram alla ricerca del piccolo, da invitare sul palco dello Stadio Olimpico di Roma. I suoi fan si sono mobilitati in massa taggando la madre del bambino, ufficialmente invitata con il piccolo Andrea a Roma.

Sul palco de La Favola di Ultimo allo Stadio Olimpico di Roma ci sarà un piccolo ospite d’eccezione che potrebbe cantare con il suo idolo proprio il brano che ha già intonato in rete, Poesia senza veli.

Ultimo ha chiuso il suo straordinario 2018 con l’annuncio del suo primo evento in uno stadio: dal Quirinetta e i club più piccoli ai palazzetti dello sport fino all’Olimpico di Roma, il successo di Ultimo è cresciuto in modo esponenziale dopo il trionfo al Festival di Sanremo nella categoria delle Nuove Proposte con Il ballo delle incertezze.

Su quel palco, Ultimo tornerà nel 2019, questa volta nella categoria dei Campioni. L’appuntamento è al Teatro Ariston e in diretta su Rai1 dal 5 al 9 febbraio.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.