I Misteri di Brokenwood 6 ci sarà? Il finale della quinta stagione su Giallo con “L’Angelo oscuro”

I Misteri di Brokenwood 6 ci sarà oppure no? Ecco le novità a poche ore dalla messa in onda del finale della quinta stagione

7
CONDIVISIONI

Giallo è pronto per il gran finale di questa sera in attesa di capire se I Misteri di Brokenwood 6 ci sarà o meno. L’appuntamento oggi, 3 gennaio, è fissato con L’Angelo oscuro, l’ultimo episodio della quinta stagione del crime neozelandese che in questo mese ci ha tenuto compagnia tra omicidi e scomparse.

Dalle 21.10 di oggi il pubblico si dovrà ad affrontare il gran finale e, in particolare, ai margini di Brokenwood si trova un manicomio abbandonato di nome Brokenwood Downes.

Ora abbandonati, gli edifici spettrali offrono un grande nascondiglio agli adolescenti locali ma tutto cambia quando una giovane coppia si ritrova ad inciampare in quello che si rivela essere il corpo di un anziano nella vecchia ala dell’ospedale legata a una barella con gli elettrodi collegati alle tempie. I Detective devono lavorare per scoprire chi è e perché è stato ucciso, cosa scopriranno?

Sarà proprio con quest’ultimo episodio che si chiuderà la quinta stagione, I Misteri di Brokenwood 6 ci sarà oppure no? Secondo le ultime anticipazioni in arrivo proprio dalla Nuova Zelanda, i nuovi episodi sono stati già annunciati e la sesta stagione arriverà nel 2019 con una serie di omicidi che continuerà a sorprendere e deliziare il pubblico in Patria e all’estero dove la serie ha ottenuto un notevole successo. Lo stesso capo esecutivo della rete che ospita la serie in Nuova Zelanda ha parlato di un investimento di oltre 6 milioni per i propri show e, in particolare  per I Misteri di Brokenwood 6 sono previsti 4 episodi da 90 minuti.

Al momento non c’è una data ufficiale di messa in onda e, quindi, non sappiamo nemmeno quando Giallo ospiterà i nuovi casi ma potrebbe volerci la fine di quest’anno appena iniziato o, addirittura, i primi giorni del 2020.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.