Costeranno di più i device Huawei dal Q3 2019? C’è Google di mezzo

Potrebbero avere un prezzo più alto i dispositivi Huawei in Unione Europea dal Q3 2019

27
CONDIVISIONI

I dispositivi Huawei e Xiaomi, oltre a quelli di tanti altri OEM cinesi (come ZTE), potrebbero presto costare di più per effetto della decisione presa da Google? Come riportato da ‘Gizmochina.com‘, tutto partirebbe da un tweet pubblicato dal profilo ufficiale di Android (cancellato dopo pochi minuti), secondo il quale Big G starebbe progettando di richiedere per sé un pagamento da parte di alcuni produttori cinesi per la questione legata alla multa comminatogli dalla Commissione Europea per alcune violazioni delle norme antitrust UE (la vicenda si ricollegherebbe all’abuso di posizione operata dal colosso di Mountain View sulla vendita dei dispositivi Android).

La Commissione Europea contesta a Google il pagamento ai vari OEM di alcuni importi per l’integrazione del suo motore di ricerca come predefinito, oltre che alla pretesa d’installazione di alcune applicazioni (come Google Search e Chrome) come requisito per la concessione delle licenze del Play Store, oltre che alla negazione di utilizzo di alcune versioni Android non approvate. La Commissione ha stabilito che Google riveda i propri accordi di compatibilità regionale per permettere ai vari OEM, tra cui Huawei e Xiaomi, di distinguere i servizi chiave dal resto dell’OS. Per consentirlo, c’è da pagare una tassa di licenza, non prevista per i produttori che integrano applicazioni come Google Search e Chrome.

Stando a quanto leggiamo nel tweet, a partire dal Q3 2019, Google sembrerebbe intenzionata a richiedere pagamenti agli OEM cinesi per quanto sopra citato, anche se non è chiaro se verrà applicata solo nell’ambito dei dispositivi venduti nell’UE, e che tipo di ripercussioni la questione avrà sugli utenti finali, che potrebbero essere chiamati ad affrontare un eventuale sovrapprezzo, chissà poi di quale entità (Huawei e Xiaomi sono stati esplicitamente nominati, ci teniamo a precisarlo). Sarà una notizia veritiera o solo un falso?

Segui gli aggiornamenti della sezione Huawei sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.