Alessandro Borghi da principe di Ostia in Suburra a “Il primo Re” di Roma dal 31 gennaio al cinema

Alessandro Borghi pronto per diventare "Il primo Re" di Roma

543
CONDIVISIONI

Alessandro Borghi non ha certo bisogno di presentazioni. I fan lo hanno amato in versione “selvaggia” in Suburra il film e poi nella serie ma anche in quella più profonda di Sulla mia pelle finendo alla versione dark di Napoli Velata ma adesso tutto sta per cambiare.

L’attore romano classe 1986 è pronta a svelare un’altra parte di sé, quella latina e più primitiva che dal 31 gennaio mostrerà nelle sale italiane come protagonista de “Il primo Re“, il film firmato da Matteo Rovere alla regia e che nel cast vede Borghi al fianco di Alessio Lapice nei panni dei due fratelli Romolo e Remo.

Il film è uno dei più attesi di questo inizio 2019 e non poteva essere altrimenti e non solo per via della presenza del principe di Ostia in Suburra ma anche perché racconterà la storia di Romolo e Remo, la fondazione di Roma e la nascita delle radici di quello che poi diventerà un impero. Due fratelli, soli, nell’uno la forza dell’altro, in un mondo antico e ostile dovranno sfidare nemici terreni e dei per andare avanti e rimanere vivi. Una novità per il cinema italiano e non solo per la storia raccontata ma anche per la lingua usata visto che sarà parlato il latino pre-romano.

Lo stesso regista ha spiegato quanto sia stata necessaria questa scelta per essere altamente realisti: “Voglio dimostrare che l’industria italiana è in grado di ottenere risultati di grande eccellenza rispetto agli standard internazionali in termini di trucco prostetico, stunt, effetti speciali, combattimenti e costumi. È stato tutto creato in Italia.”. 

Dalle prime immagini del film rivelate dal trailer italiano sicuramente “Il primo Re” non ha niente da invidiare ai grandi colossal americani di genere, quale sarà la reazione del pubblico e della critica? Alessandro Borghi avrà modo di segnare un altro passo avanti nella sua splendida carriera? Ecco di seguito il trailer del film:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.