Certificazioni FIMI Awards del 2 gennaio per Salmo, Maneskin, Anastasio e tanti altri

I FIMI Awards della settimana: dischi e singoli certificati oro e platino.

32
CONDIVISIONI

Nuovo appuntamento, il primo del 2019, con i FIMI Awards del 2 gennaio per le certificazioni degli album e dei singoli più venduti che hanno raggiunto almeno la soglia delle 25.000 copie.

Tra gli album arriva il secondo disco di platino per Playlist di Salmo, pubblicato lo scorso 9 novembre. L’artista in poco più di un mese dalla pubblicazione aveva già raggiunto 5 dischi di platino e 5 d’oro, anche per i vari singoli. Disco d’oro per Paradiso (Lucio Battisti Songbook) di Mina, per Le Canzoni Alla Radio di Max Pezzali, per Sì di Andrea Bocelli, per Bohemian Rhapsody (O.S.T.) dei Queen e per Redenzione di LowLow.

Anche album del passato sono stati certificati: è il caso di Back To Black di Amy Winehouse (3 platino) e di Random Access Memories dei Daft Punk (2 platino).
Per quanto riguarda i singoli, tra i FIMI Awards del 2 gennaio tantissime certificazioni per le hit di quest’anno ma anche del passato. La regina dell’estate Baby K guadagna il terzo disco di platino per il singolo Da Zero A Cento così come gli inarrestabili Maneskin e la loro Torna a Casa per un totale di oltre 150.000 copie.

Disco di platino per Oggi No di Ghali, Keeanu Reeves di Gemitaiz ft. Achille Lauro, New York dei Thegiornalisti, Cabriolet di Salmo ft. Sfera Ebbasta e infine per La Fine Del Mondo di Anastasio che, dopo la vittoria di X Factor, continua a collezionare successi e presto sarà in tour.

Si continua con i dischi d’oro per: Ti Dedico Una Canzone di Ultimo, Forte e Chiaro e 20 di Capo Plaza, Parco Gondar di Carl Brave ft. Coez e Baba Jaga di Nitro. E ancora FIMI Awards per Zayn ft. Sea, Arctic Monkeys, Ozuna, Bobby Helms, Michael Bublè ft. The Puppini Sisters e Dean Lewis.

Tutte le certificazioni FIMI Awards del 2 gennaio al completo sono disponibili sul sito ufficiale FIMI.it.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.