Basta Ringo Mobile e SIMPiù: cosa si può fare adesso?

Chiudono i battenti i due operatori virtuali, quel che resta da fare ai clienti

2
CONDIVISIONI

Hanno chiuso i battenti i virtuali Ringo Mobile e SIMPiù, che forse qualcuno di voi nemmeno conoscerà (specie il secondo, davvero molto poco conosciuto nel panorama telefonico nazionale). Tutte e due i provider si basavano su rete TIM, ma lo scarso successo riscontrato ha fatto sì che si avverasse quanto sopra descritto). SIMPiù, in particolare, ha chiuso il 30 dicembre 2018, mentre Ringo Mobile ha tenuto botta fino al giorno 31 (questo significa che, a partire dalle date di cui sopra, non è stato più possibile utilizzare i servizi dell’uno e dell’altro operatore virtuale, né tanto meno richiedere la portabilità del vostro numero ad un altro gestore).

Come risolvere la situazione? C’è poco da fare, il numero di telefono non lo si potrà recuperare: bisognerà attiviate una nuova SIM approfittando di una delle tante offerte degli altri operatori nazionali (ce ne sono per tutti i gusti, non dovrete che individuare quella che più fa al caso vostro, ed attivarla, online o presso uno dei tanti centri autorizzati sparsi nel nostro territorio). Non crediate Ringo Mobile e SIMPiù possano tornare: se hanno chiuso, il motivo è più che valido, e quindi ci sembra improbabile i due MVNO decidano di fare marcia indietro, almeno per il momento (non abbiamo ragione di credere le cose cambieranno nemmeno in futuro, ma non possiamo affermarlo con certezza).

Adesso, se siete clienti Ringo Mobile e SIMPiù, sapete come comportarvi per non restare isolati dal mondo. Restiamo a vostra disposizione nel caso in cui riterrete opportuno rivolgerci qualche domanda in più per potervi destreggiare tra le tante offerte che popolano la scena nazionale (con l’ingresso in campo di Iliad sappiamo quanto la situazione sia cambiata, e quanto vantaggiose siano la maggior parte delle offerte proposte dai vari provider).

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.