Modalità scura su Facebook Messenger per salvare la batteria? Primi test, a quando in Italia

Dark mode salva occhi e pure salva batteria presto in arrivo? Sviluppatori al lavoro

9
CONDIVISIONI

La modalità scura su Facebook Messenger è in procinto di diventare disponibile per gli utilizzatori dell’app di messaggistica del social network? A testimoniarlo sono i primi test effettuati per il “dark mode” in più parti del mondo, proprio a cavallo della fine del 2018  e con l’inizio di questo 2019.

L’esperta Jane Machun Wong sul su profilo Twitter ha dato la lieta novella solo poche ore fa. Come testimoniato dal cinguettio di fine articolo, la fase di test per la modalità scura su Facebook Messenger sarebbe partita proprio nella giornata di ieri 31 dicembre o solo qualche momento prima. Si parla di sperimentazione solo in alcuni paesi del mondo, tuttavia non meglio specificati. Quello che l’esperta riporta con certezza è che, almeno per il momento, un paese grande come gli Stati Uniti è fuori dal programma e lo stesso discorso vale per l’Italia, almeno ad oggi 1 gennaio.

La modalità scura su Facebook Messenger, come per altre applicazioni di messaggistica come WhatsApp ad esempio, è molto attesa: è innegabile come questa sia più riposante per gli occhi e allo stesso tempo i pixel spenti nelle chat (quando questa è attiva) potrebbero contribuire a risparmiare batteria, almeno per alcuni telefoni con determinate tipologie di display.

Se ora sta partendo la fase sperimentale proprio per l’introduzione della modalità scura su Facebook Messenger, quanto la funzione sarà rilasciata nella la versione finale globalmente?  Il periodo di test potrebbe non essere per nulla breve e per questo motivo non possiamo affatto preventivare l’approdo del dark mode in italia in maniera puntuale e precisa. Tuttavia, è pur vero che già nelle prime settimane del 2019, il prosieguo dei lavori su questa feature dell’app (al momento niente affatto completa e in qualche modo acerba), potrebbe già fornirci indicazioni più chiare sui tempi necessari agli sviluppatori per raggiungere il loro obiettivo finale.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.