I Delitti del BarLume tornano su Sky Cinema 1 e si vola in Argentina: anticipazioni 1 gennaio

Secondo e ultimo caso per i protagonisti de I Delitti del BarLume

10
CONDIVISIONI

Dopo il successo del primo episodio del 2018 de I Delitti del Barlume, dal titolo Il Battesimo di Ampelio, tra poche ore andrà in onda una nuova storia della serie di Sky Uno. Proprio come a Natale, anche a Capodanno, il pubblico e gli abbonati Sky potranno tornare nalla provincia toscana della serie ispirata al mondo dei romanzi di Marco Malvaldi ma questa volta per voltare dritti in Argentina.

Sulla pagina ufficiale Twitter della rete si legge: “Come se la caveranno stavolta i «bimbi» alle prese con lo spagnolo? Riusciranno a farsi capire anche in ??? Appuntamento a questa sera alle 21.15 su Sky Cinema Uno con la nuova storia de I delitti del #BarLume.#FilippoTimi”. L’appuntamento è per il prime time di oggi e poi nella sezione on demand per il replay subito dopo la fine di questa seconda e ultima puntata.

Hasta Pronto Viviani è il titolo dell’episodio in onda stasera, martedì 1° gennaio alle 21.15 su Sky Cinema Uno, che porterà i protagonisti per la prima volta lontano dalle confortevoli strade di Pineta, in un’avventura tra le pampas argentine, dove i vecchini voleranno proprio in soccorso di Viviani che, a quanto pare, è stato rapito. Ma proprio mentre i vecchini volano dall’altra parte dell’oceano, a Pineta va in scena un’inspiegabile rapina al BarLume, i due misteri sono collegati tra di loro? Toccherà alla Fusco capirci qualcosa, ma cosa?

Gli “anziani” della serie saranno ancora Alessandro Benvenuti, Atos Davini, Marcello Marziali e Massimo Paganelli. Torna mentre la Tizi avrà come sempre il volto di Enrica Guidi. Anche in questo episodio titornano Stefano Fresi e Corrado Guzzanti, nei panni rispettivamente del buffo Beppe Battaglia e di Paolo Pasquali. Tutto pronto per il gran finale, quindi, ci sarà una nuova stagione? Siamo sicuri di sì ma per adesso attendiamo conferme ufficiali.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.