Il prossimo crossover di Arrow, The Flash e Supergirl causerà la morte di uno degli eroi?

Uno degli eroi dell'Arrowverse (e la sua serie) sarà a rischio nel prossimo crossover?

68
CONDIVISIONI

Il pubblico ha ancora negli occhi il bel crossover che ha lanciato Kate Kane e ha portato in tv la Lois Lane di Elizabeth Tulloch, ma c’è già chi pensa al prossimo crossover di Arrow, The Flash e Supergirl che potrebbe portare alla morte di uno dei nostri eroi. Crisis è stato lanciato proprio al termine di Elseworlds con un primo trailer e un poster che rimandano al 2019, ma cosa potrebbe succedere?

Per molto il crossover di Arrow, The Flash e Supergirl andato in onda in questi giorni era in realtà solo un preludio a un evento molto più grande ovvero Crisis on Infinite Earths che potrebbe addirittura porre fine alla vita di uno dei nostri eroi, toccherà proprio a Kara? “Crisis” è una delle storie più famose e iconiche della DC Comics e proprio in questo ciclo di fumetti Kara arriva a sacrificarsi in una battaglia contro l’Antimonitor che dovrebbe essere il villain del prossimo crossover.

Kara è stata cancellata dalla nuova timeline e quasi nessuno ricorda più della sua esistenza almeno fino a che altre versioni alternative di lei non sono state introdotte e solo in seguito ai successivi eventi “Crisis” nei fumetti, i ricordi della Supergirl originale iniziarono a riemergere. Cosa succederà adesso? Sarà il prossimo crossover che metterà fine alla serie con Melissa Benoist ma non al suo personaggio che potrebbe riapparire come guest star nell’Arrowverse?

Al momento non ci sono molti dettagli su quello che vedremo ma sicuramente le prime novità potrebbero arrivare nei prossimi mesi e, addirittura, al prossimo Comic Con dove vedremo anche il promo della nuova serie dedicata a Batwoman.

Arrow, The Flash e Supergirl sono in pausa fino a metà gennaio negli Usa mentre in Italia non si conosce ancora la data di messa in onda.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.