Pericolo dietro l’angolo tramite truffe e virus Android: 2 app popolari rimosse dal Play Store

Una nuova minaccia da analizzare con grande attenzione, al fine di scongiurare pericoli per il nostro device

8
CONDIVISIONI

Si torna a parlare proprio in questi giorni di truffe e virus Android, alla luce di una scoperta che in qualche modo ha fatto scattare l’allarme per diversi utenti. Tutto nasce da una notizia che richiama in parte quanto vi abbiamo riportato a fine ottobre sulle nostre pagine, quando dal Play Store vennero rimosse ben 8 app portatrici di problemi legati alla sicurezza del pubblico. Cerchiamo dunque di capire quali scenari si stanno configurando in Italia e nel resto del mondo oggi 4 dicembre, ma soprattutto quali siano le app da cui stare alla larga.

Scendendo maggiormente in dettagli, sappiamo ad esempio che di recente sono state rimosse dal Play Store applicazioni come CM File manager e Kika keyboard. Secondo quanto trapelato fino a questo momento, entrambe sono state caratterizzate da un grosso problema, in quanto hanno contenuto del codice che potevano truffare il cliente seguendo diverse strade, sfruttando i click sulle inserzioni pubblicitarie.

Inutile dire che nel mirino della critica sia finito il produttore di queste app, vale a dire Cheetah Mobile, che dal canto suo si difende affermando di non avere il controllo sui circuiti pubblicitari che si riversano anche all’interno delle applicazioni. Il dato preoccupante consiste nel fatto che le due app che hanno generato truffe e virus Android, insieme, hanno totalizzato qualcosa come 150 milioni di download.

Per questo motivo l’invito e di prestare sempre la massima attenzione anche ai comportamenti delle app che sono presenti nel Play Store e che, come in questo caso, possono generare pericolo per la sicurezza informatica degli utenti. Anche voi avete scaricato le 2 app? Notato qualcosa di strano? Fateci sapere commentando l’articolo di oggi, in modo da avere le idee più chiare sotto questo punto di vista.

Commenti (1):
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.