Pericolo WhatsApp Gold ed il video Martinelli che diffonde un malware: solo una bufala?

Alcuni dettagli da conoscere a proposito dell'ennesima fake news che ha preso piede in questi giorni

64
CONDIVISIONI

E’ ormai notizia di tutti i giorni ritrovarsi a fare i conti con le classiche catene inviate su WhatsApp (in questo caso WhatsApp Gold), che a volte creano semplicemente degli allarmismi, invitando gli utenti a condividere una determinata notizia o ad aprire il contenuto di un file inviato. Spesso dietro a queste catene non si cela alcun tipo di pericolo, ma si tratta di notizie diffuse semplicemente per creare panico tra i vari utenti. Ultima in ordine cronologico è la bufala WhatsApp Gold, come riportato da bufale.net. Di cosa si tratta?

Stando ad un messaggio inviato ovviamente tramite WhatsApp si parla di un malware pronto ad attaccare il dispositivo del destinatario, soprattutto se si attiverà questo WhatsApp Gold. Stando insomma al messaggio se si aprirà il link in allegato, ecco che immediatamente il dispositivo sarà preso d’assalto da un attacco hacker. In realtà non si tratta altro che di una bufala già scovata nello scorso aprile con il nome di video Martinelli, in questo caso il messaggio era originariamente in spagnolo ed anche qui si parlava di malware pronto all’attacco del dispositivo una volta aperto il contenuto del video Martinelli.

Non c’è quindi di base nulla di assolutamente vero, la Policia Nacional aveva già tranquillizzato in passato gli utenti su tale vicenda, ora si parla di WhatsApp Gold, ma in sostanza non è altro che la stessa bufala. Esistono diverse bufale di questo genere che hanno solo il semplice scopo di creare panico ed allarmismo negli utenti, ma se si scava a fondo di questi messaggi si nota come non ci sia assolutamente nulla dietro, il tutto è assolutamente infondato, per questo poi si parla di bufala.

Se quindi un vostro contatto vi manda un messaggio con la scritta WhatsApp Gold o il video Martinelli, sarete voi a fargli capire che si tratta solo ed esclusivamente di una notizia inventata e che nessun tipo di malware è pronto ad attaccare i vari dispositivi.

Lascia un commento: