Non così lontano Android Pie per Honor 9: tutte le notizie di inizio novembre

Aggiorniamo la situazione per uno smartphone finito almeno in parte nel dimenticatoio di recente

3
CONDIVISIONI

Uno smartphone particolarmente apprezzato qui in Italia, e che al contempo è finito in parte nel dimenticatoio dal punto di vista dello sviluppo software, è senza ombra di dubbio il cosiddetto Honor 9. Si tratta di un modello destinato a ricevere l’aggiornamento del sistema operativo Android Pie, esattamente come il suo predecessore ha toccato con mano Android Oreo, ma è chiaro che il pubblico si stia chiedendo quanto tempo dovremo attendere prima di fare questo step alla luce del silenzio da parte del produttore.

Premesso che lo smartphone non abbia fatto registrare particolari problemi in questi mesi, al punto che le patch necessarie per migliorare l’esperienza di utilizzo del pubblico si sono contate sulle dita di una mano, è chiaro che l’attenzione di tutti sia riversata verso l’upgrade tanto atteso da più parti. Come stanno le cose dopo il nostro ultimo punto della situazione condiviso su queste pagine? In effetti qualche dettaglio extra con tutti lo possiamo condividere, alla luce di un recente report pubblicato da The Android Soul.

Nello specifico, la tabella riportata oltre a dirci che lo smartphone vede il programma beta già avviato, grazie al quale si stanno valutando eventuali bug presenti su Honor 9, la distribuzione definitiva dell’aggiornamento Android Pie dovrebbe avvenire entro e non oltre il Q2 del 2019. Insomma, tra aprile e giugno finalmente avremo modo di fare uno step non così scontato come si potrebbe pensare.

Vi ricordo che al momento il produttore non si è ancora sbilanciato sulla questione, né tantomeno è stato diramato un elenco contente la lista di tutti gli smartphone che riceveranno l’aggiornamento Android Pie, ma è chiaro che le notizie emerse proprio in questi giorni siano quantomeno incoraggianti per chi ha deciso di puntare su Honor 9 qui in Italia.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.