Gomorra 4 non andrà in onda in inverno? Le rivelazioni di Sky sconvolgono i fan

Le rivelazioni di Sky su Gomorra 4 durante la presentazione della novità di questa stagione lasciano tutti senza parole

Le prime rivelazioni sulla messa in onda di Gomorra 4 arrivano da Sky che, durante la presentazione della nuova stagione 2018/2019 ha alzato il velo su quelle che saranno le chicche del suo palinsesto. Oltre a film, canali tematici e serie tv internazionali, Sky ha parlato anche delle sue produzioni italiane a cominciare proprio da Gomorra 4.

Secondo quanto hanno rivelato dai piani alti sembra che Gomorra 4 non andrà in onda in inverno come si era pensato in un primo momento e che, addirittura, per vedere i nuovi episodi della serie dovremo attendere la primavera. Questo significa che tra la messa in onda della terza stagione (andata in onda proprio da novembre e dicembre del 2017) e la quarta passerà più di un anno e mezzo.

Attualmente gli attori della serie sono sul set per le riprese dei nuovi episodi in cui troveremo Genny (Salvatore Esposito) e Patrizia (Cristiana Dell’Anna) alle prese con nuovo equilibrio nel sistema dopo quello che è successo tra loro ma, soprattutto, dopo la morte di Scianel e di Ciro l’Immortale. Dall’altra parte ci sono Enzo (Arturo Muselli) e Valerio (Loris De Luna) chiamati a confermare la posizione del loro clan nel centro di Napoli dopo aver fatto fuori i vertici della cupola ed essersi alleati con i nemici di Genny.

Alle minacce interne si aggiungeranno quelle esterne a cominciare da nuovi boss e nuovi affari che porteranno Genny fino a Londra. Le minacce della moglie Azzurra si faranno reali? La giovane lascerà il marito poco propenso ad abbandonare questa vita e questi affari oppure troveranno un compromesso?

Per avere risposta alle nostre domande dovremo attendere la messa in onda della serie prevista per la prossima primavera e quindi farete meglio ad armarvi di tanta pazienza.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.