Un salto temporale nel film di Downton Abbey, data d’uscita e anticipazioni sulla trama

Il film di Downton Abbey, in arrivo tra un anno nelle sale, avrà un salto temporale rispetto al finale della sesta stagione

6
CONDIVISIONI

Le riprese del film di Downton Abbey sono attualmente in corso, con il cast (quasi) al completo per la regia di Michael Engler, che ha diretto quattro episodi della serie tv e l’episodio pilota del nuovo show del creatore della serie Julian Fellowes, The Gilded Age.

Dopo la conferma ufficiale lo scorso luglio, a ottobre sono partite le riprese di questo film di cui si è tanto parlato sin dalla conclusione dell’acclamata serie tv, che si è congedata dal pubblico con la sesta stagione in onda su ITV nel 2015.

Scritto dal creatore Julian Fellowes, il film uscirà in anteprima il 13 settembre 2019 nel Regno Unito, mentre approderà in America e presumibilmente in decine di altri paesi nel mondo una settimana dopo, il 20 settembre.

Non sono ancora stati rilasciati dettagli ufficiali della sinossi del film, ma l’attore Allen Leech, che riprenderà il suo ruolo di Tom Branson per l’adattamento cinematografico, ha confermato che la trama “riprende non molto tempo dopo la fine della serie“. L’interprete dell’autista irlandese che si è innamorato innamorato di Lady Sybil Crawley nella prima stagione ed è tornato per l’ultima del 2015, ha ipotizzato, non senza ironia, un salto temporale di qualche mese rispetto ai fatti del finale agrodolce della sesta stagione.

In termini di tempo, penso che si riparta otto o nove mesi dopo. L’unico problema è che tutti gli attori hanno ora tre anni in più – sono stati otto mesi piuttosto pesanti!

Tra i protagonisti che hanno accettato di riprendere i propri ruoli in Downton Abbey per il grande schermo sono confermati gli interpreti di Lady Mary (Michelle Dockery), Lady Edith (Laura Carmichael), Robert Crawley (Hugh Bonneville) e Anna Bates (Joanne Froggatt) e persino l’attrice premio Oscar ed Emmy Maggie Smith nei panni della Contessa Violet Crawley, che sembrava la più restia a prendere parte all’esperimento cinematografico. Il progetto dovrebbe rappresentare la chiusura del cerchio definitiva per la serie in costume che ha fatto la storia come lo show non americano più candidato nella storia degli Emmy Awards, gli Oscar della tv.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.