A rischio la messa in onda di Suburra 2 e non solo: una denuncia cambia la programmazione della serie?

La messa in onda degli episodi di Suburra e Suburra 2 a rischio su Rai2 e Netflix?

557
CONDIVISIONI

La messa in onda di Suburra 2 è a rischio? I fan attendono con ansia di sapere quando andranno in onda i primi episodi su Rai2 e i nuovi episodi su Netflix ma ancora nessuno ha dato una conferma o una data ufficiale e questo potrebbe essere legato ad un problema legale.

Secondo quanto riporta ilfaroonline.it sembra proprio che la messa in onda su Rai2 e quella su Netflix subiranno uno slittamento per via di una diffida legale inoltrata dall’associazione del Centro storico di Ostia, Ostiamor.

La serie televisiva tratta dall’omonimo romanzo di Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini, ha Ostia e il suo lido tra le ambientazioni e questo non è positivo, almeno non secondo l’associazione che parla addirittura di un danno di immagine ai danni della città. Nei mesi scorsi la serie è stata girata sul lungomare, il Pontile, l’ex Enalc Hotel, piazzale dell’Aquilone, l’Idroscalo, via della Marina e lungomare Duca degli Abruzzi, ma proprio questo potrebbe far rischiare la messa in onda dei nuovi episodi.

I commerciati e i protagonisti del luogo non mandano giù il fatto che la loro città sia rappresentata “sopra le righe” e che per una storia come quella di Suburra si sia scelto un luogo reale. Attraverso il proprio avvocato, l’associazione ha diffidato la Commissione parlamentare di vigilanza della Rai dall’autorizzare la messa in onda della fiction per non causare un danno di immagine.

Chi segue la serie sa bene che la Rai è implicata nella sua produzione quindi non si capisce bene se si parla solo della prima stagione, che doveva essere mandata in onda proprio il prossimo mese di novembre su Rai2, o anche della seconda prevista per questo autunno su Netflix. Al momento la Rai non ha confermato e né smentito la notizia ma sembra proprio che la programmazione potrebbe essere rimandata al 2019 in entrambi i casi.

Secondo quanto riporta il sito, lo stesso avvocato Mannucci avrebbe fatto sapere: “La nostra diffida è arrivata e i vertici dell’azienda stanno valutando il da farsi. Siamo intransigenti e siamo disposti ad andare fino in fondo per difendere il nome e l’immagine di Ostia”.

Lascia un commento: