Asia Argento a Verissimo ricorda il compagno Anthony Bourdain e si racconta sui casi Weinsten e Bennett (Video)

Sabato 13 ottobre Asia Argento a Verissimo si è raccontata in un'intervista con Silvia Toffanin.

Ieri abbiamo visto per la prima volta Asia Argento a Verissimo nel salotto di Silvia Toffanin su Canale 5. Un incontro intenso e non breve, in cui l’attrice si è messa a nudo e ha parlato della sua vita e delle battaglie che ha affrontato, che sta affrontando e che dovrà ancora affrontare.

Guardare le immagini di quando era piccola le causa una sensazione di tenerezza perché si rende conto di non aver vissuto davvero l’infanzia come i suoi coetanei, ha dichiarato Asia Argento a Verissimo dopo un filmato sulla sua vita. Figlia di artisti, infatti, fin da bambina si è trovata dietro una telecamera. Esperienze che sono poi diventate il suo vero lavoro.

L’attrice è stata al centro dell’attenzione mediatica nel 2017 per via della denuncia a Harvey Weinstein, accusato di molestie prima da lei ma successivamente da tante altre donne dello spettacolo, tra cui famosi volti del cinema internazionale.
“È stato un gesto kamikaze, ho dato fastidio ai potenti” rivela Asia Argento a Verissimo, sottolineando però che lo rifarebbe. È stata la prima a denunciare e quel gesto ha fatto in modo che nascesse un movimento a favore delle donne, il movimento #MeToo. A proposito di questo movimento, Asia dice: “sono a favore di questo movimento, ma non ho più la forza di combattere”.

Dopo un anno di pressione mediatica, Asia era stata scelta da XFactor per essere uno dei giudici del talent, ma qualcos altro è successo: Jimmy Bennett, giovane ex attore con cui Asia aveva recitato in passato, l’ha accusata di molestie sessuali.
Ha inizio un altro periodo buio per l’attrice che ha dichiarato: “ho ricevuto una lettera di ricatto”, e ancora “Io e il mio compagno Anthony Bourdain ci siamo detti: ora viene a colpirci uno che non lavora più da quando aveva 13 anni. Una persona disperata. Io ed Anthony eravamo molto fragili perché era uscito il #MeToo e ci eravamo entrambi esposti a favore delle donne. È stata una cosa per estorcere denaro al mio compagno.”

Questo non è stato l’ultimo momento di sconforto per Asia Argento che quattro mesi fa ha perso il suo compagno Anthony Bourdain, morto suicida. “Nessuno aveva capito il suo malessere, io sicuramente no. La depressione è una malattia molto grave, chi si uccide di certo non lo dice prima. Mi manca sapere che c’è, mi mancano i suoi messaggi, mi manca vederlo e sentire la sua voce. Non ho più forze, ma devo proteggere me stessa e i miei figli”.

I video dell’intervista ad Asia Argento

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.