Che dispositivi sono i nuovi Google Pixel 3 e Pixel 3 XL: quello che bisogna sapere

Una volta ufficializzati i Google Pixel 3 e Pixel 3 XL, proviamo a capire cosa potranno offrire

3
CONDIVISIONI

Sono stati presentati in sordina i Google Pixel 3 e Pixel 3 XL, che differiscono tra loro per alcuni tratti hardware, oltre che per il prezzo di vendita. Partiamo dal primo dei due, la versione standard, nonché modello più piccolo, dalle dimensioni complessive di 68,2×145,6×7,9mm (148 gr.), e contraddistinto da uno schermo OLED da 5.5 pollici FHD+.

Il telefono è spinto dal processore Snapdragon 845, con Adreno 630, 4GB di RAM, 64 o 128gb di memoria interna, nano SIM singola, USB Type-C 3.1 gen.1, lettore di impronte digitali sul retro (tecnologia Pixel Imprint), 4G LTE Cat. 16, Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac 2×2 MIMO, Bluetooth 5.0 LE, NFC, Google Cast, batteria da 2915 mAh (ricarica wireless Qi e veloce 18W, fino a 7 ore di autonomia con 15 minuti di ricarica), fotocamera posteriore singola da 12.2MP (OIS+EIS, apertura f/1.8, sensore spettrale) e dual-camera anteriore, composta da un sensore grandangolare (97°) da 8MP (apertura f/2.2) ed uno da 8MP (apertura f/1.8, campo visivo di 75°). Possibilità di registrare video fino a 4K a 30fps. Presenti gli altoparlanti stereo sul versante anteriore, 3 microfoni.

La situazione non cambia di chissà quanto con il Google Pixel 3 XL, fatta eccezione per quanto stiamo per illustrarvi: dimensioni di 76,7x158x7,9mm (184 gr.), display OLED da 6.3 pollici QHD+ e batteria da 3430 mAh. Il Google Pixel ha un prezzo di 899 e 999 euro, rispettivamente per le varianti da 64 e 128GB; il Pixel 3 XL costa 999 e 1099 euro, nelle stesse versioni. Sarà possibile acquistare separatamente i seguenti accessori: Pixel Stand a 79 euro, le cover colorate (indaco, antracite, rosa e grigio) a 45 euro, la cover personalizzata ‘My cover’ a 50 euro e gli auricolari Earbuds a 35 euro (questi ultimi risultano già essere compresi all’interno della confezione di vendita).

Un telefono sicuramente molto potente, ed anche bello da vedere, ma che non sembra offrire particolari spunti catalizzatori, almeno al primo sguardo (in molti gli stanno già lamentando uno scarso appeal per mancata innovazione, affermando che Big G avrebbe potuto sforzarsi di più e realizzare uno smartphone che potesse ricordare la vecchia guardia dei Nexus, dispositivi mai dimenticati). Voi da che parte state?

Commenti (1):
fabio

sono un pò scettico riguardo la sola fotocamera posteriore per carità farà sicuramente scatti bellissimi però magari per gli utenti più esigenti un altra fotocamera che faceva solo zoom o teleobiettivo non sarebbe stato male

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.