Hitman 2 sarà molto più severo nei confronti dei giocatori

Qualsiasi azione avrà un impatto molto più importante sull'andamento delle missioni

5
CONDIVISIONI

Dopo il boom ottenuto con il primo Hitman, Hitman 2 sembra essere destinato a ripetere il successo e riportare in alto una delle serie più apprezzate di sempre, nel panorama dei giochi stealth. Questa particolare categoria infatti è passata leggermente in secondo piano, dopo la parziale delusione incassata con Metal Gear Solid V e la sparizione di una pietra miliare come Splinter Cell, fermatosi all’ultimo capitolo Blacklist.

Durante una recente intervista Sven Liebold, sviluppatore del team di IO Interactive, ha rilasciato alcue dichiarazioni sul futuro capitolo Hitman 2, rivelando dettagli sulle nuove meccaniche rinnovate e anche sul rapporto con il precedente Hitman. Innanzitutto, come ben saprete Hitman 2 tornerà ad essere completamente disponibile sin dal lancio, dunque non più episodico come il precedente. Lo sviluppatore ha spiegato la scelta di pubblicare per episodi: è servito in qualche modo a “rieducare” i giocatori a cosa sia veramente Hitman. Ritornare ad un gioco completo fin da subito era la scelta più ovvia, ma nonostante questo verranno comunque aggiunti contenuti periodici al titolo.

Passando a dettagli di gameplay, Liebold ha affermato che sono stati effettuati centinaia di cambiamenti rispetto al precedente. Prima di tutto sono state rinnovate le folle di persone: ora sarà possibile letteralmente farsi perdere di vista agli occhi delle guardie, mischiandosi in mezzo a gruppi di persone. Un po’ di numeri: nella missione Parigi del precedente Hitman il numero di NPC era di 700/800; nella missione Miami in Hitman 2 troveremo addirittura 2000 NPC, cifre che aumenteranno notevolmente le possibilità a livello di gameplay. E’ stata inoltre introdotta la possibilità di nascondersi all’interno di cespugli di diverse dimensioni.

Qualsiasi azione all’interno delle missioni avrà ripercussioni molto più significative sull’andamento della quest. Per esempio, dimenticarsi il corpo di una vittima senza nasconderlo verrà scovato molto più spesso dalle guardie, le quali sfrutteranno le telecamere di sorveglianza per cercare di riconoscre l’Agente 47. L’intento degli sviluppatori è di rendere consci i giocatori delle proprie azioni, facendoli sentire sempre in pericolo e facendo ragionare sul da farsi.

E’ stata infine reintrodotta la valigetta dell’Agente 47, una feature molto amata ai tempi di Blood Money, che permette ai giocatori di introdurre armi e oggetti all’interno dei luoghi più sicuri. Lo sviluppatore ha fatto l’esempio delle granate, che sarà possibile far prendere in mano ad una guardia e farla detonare in seguito.

Vi ricordiamo che Hitman 2 uscirà il 13 novembre su PS4, Xbox One e PC; sarà disponibile un Legacy Pack.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.